.
Dettaglio provvedimento

PG (Numero / Anno) 307595  /   2019

Proposta (Tipo / Numero / Anno) DDPRO  /   1245  /   2019

Repertorio (Tipo / Numero / Anno) DD  /   703  /   2019

Unità di riferimento Area Economia e Lavoro - UI Attività Produttive e Commercio

Data esecutività 03/07/2019

Data pubblicazione 03/07/2019

Oggetto SOSPENSIONE ANTICIPATA DELLE ATTIVITA' DI VENDITA NEL MERCATO PERIODICO ORDINARIO PIAZZA DELLA PACE IN DATA 06/07/2019

.


IL DIRIGENTE


Premesso che in Piazza della Pace, ai sensi del vigente Piano delle aree, si svolge al sabato mattina un mercato periodico ordinario;

Dato atto che sabato 06 luglio 2019 all'interno dello Stadio Dall'Ara si terrà il concerto di "Ligabue" e che dalle prime ore del pomeriggio l'area di Piazza della Pace è stata destinata ad attività correlate all'evento;

Ritenuto pertanto necessario sospendere anticipatamente l'edizione del mercato periodico ordinario di Piazza della Pace nella giornata di sabato 6 luglio 2019, prevedendo che l'area dovrà essere liberata entro e non oltre le 12,30;

Visti:
- il D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 114;
- la Legge Regionale 25 giugno 1999, n. 12;
- la delibera della Giunta Regionale 22 aprile 2013, n. 485;
- il vigente Regolamento dei Mercati e delle Fiere;
- l’art. 107 del Decreto Legislativo n. 267 del 18.08.2000;
- il vigente Statuto del Comune di Bologna;
- l’atto di delega PG n. 212245 del 08/05/2019

DETERMINA

di sospendere anticipatamente le attività di vendita nel Mercato periodico ordinario Piazza della Pace per la giornata di sabato 06 luglio 2019 con liberazione dell'area entro e non oltre le ore 12,30, al fine di consentire gli allestimenti delle attività previste per il concerto di "Ligabue";

Del presente atto viene data informazione alle Associazioni di categoria più rappresentative a livello regionale, tramite pubblicazione all'Albo pretorio, il sito web del Settore Attività produttive e Commercio http://www.iperbole.bologna.it/impresa/ e tramite invio via posta elettronica certificata a tutti gli operatori interessati.
Avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso al T.A.R., entro 60 giorni ai sensi del D.Lgs.104/2010, ed al Presidente della Repubblica entro 120 giorni nei modi previsti dal D.P.R.1199/71.






Allegati al documento