Atto del Consiglio

 

Dati dell' atto

PG (Nr. / Anno) 290088  /  2008
O.d.g. (Nr. / Anno) 8  /  2009
Data seduta 12/01/2009
Data esecutività 12/01/2009
Unità di riferimento Attività Produttive e Commerciali
Oggetto PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE BOTTEGHE STORICHE E DEI MERCATI STORICI. APPROVAZIONE DEI NUOVI CRITERI DI INDIVIDUAZIONE AI SENSI DELLA LEGGE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA N. 5/2008. ISTITUZIONE DEL NUOVO ALBO DELLE BOTTEGHE E DEI MERCATI STORICI.


Testo dell'atto

La Giunta propone al Consiglio la seguente deliberazione:


IL CONSIGLIO

Premesso che :

- la Regione Emilia-Romagna e la Provincia di Bologna, cogliendo le sollecitazioni che provenivano dal territorio, hanno avviato un percorso condiviso con le Associazioni di categoria e con i Comuni della provincia di Bologna, con l'obiettivo di giungere ad un sistema di qualificazione delle botteghe storiche commerciali ed artigiane preciso ed univoco;

- la Regione Emilia Romagna ha emanato in data 10 marzo 2008, la legge n. 5 per la " Promozione e Valorizzazione delle Botteghe Storiche", in base alla quale sono stati indicati i requisiti per attribuire lo status di "Bottega Storica" e di "Mercato Storico" alle attività commerciali ed artigianali aventi valore storico, artistico, architettonico ed ambientale, che costituiscono testimonianza della storia, dell'arte, della cultura e della tradizione imprenditoriale e mercatale locale;

- con deliberazione di Giunta Regionale Progr. n. 983/2008 del 30 giugno 2008 la Regione Emilia Romagna ha fissato i criteri e le modalità di rilevazione dei dati e delle informazioni relative alle botteghe storiche e ai mercati storici in base ai quali i Comuni provvedono alla individuazione e classificazione delle botteghe e dei mercati storici ed alla iscrizione in un apposito Albo Comunale;

- in attuazione dell'art. 3 comma 2 della legge sopracitata la Provincia di Bologna, in data 16/09/2008, con delibera di Giunta n.377826 ha integrato i criteri regionali con alcuni elementi di interesse per la realtà territoriale di competenza ed ha precisato le modalità di presentazione della domanda di iscrizione nonchè le modalità di tenuta dell'Albo Comunale;

Dato atto che :

- con deliberazione consiliare P.G.104637/2000 il Comune di Bologna, nel dare attuazione alla L.R. 5 luglio 1999, n. 14 che consente ai Comuni di predisporre misure di salvaguardia nel centro storico o nelle aree aventi particolare pregio, relativamente all’esercizio delle attività commerciali, aveva approvato misure di salvaguardia della tutela del centro storico nonchè della periferia ed aveva istituito l’Albo delle Botteghe Storiche indicando altresì i criteri per la classificazione di bottega storica relativamente ad attività commerciali, artigianali e di pubblico esercizio ;

- i criteri individuati dalla Regione Emilia Romagna ed integrati dalla Provincia di Bologna non sono congruenti con i criteri approvati dal Comune di Bologna con deliberazione consiliare P.G.104637/2000,

Atteso che:

- il Comune di Bologna, in base all'art.3 della L.R. 10 marzo 2008 n.5, deve provvedere, entro 120 giorni dalla data di adozione della deliberazione provinciale sopra citata, ovvero entro il 13 gennaio 2009, alla individuazione delle botteghe e dei mercati storici presenti nel proprio territorio ed iscriverli nell'apposito Albo comunale;

- è necessario rivedere tutta la normativa comunale in materia, uniformandola ai criteri individuati dalla Regione e dalla Provincia di Bologna, abrogare il vecchio Albo delle Botteghe Storiche ed alla luce dei nuovi criteri, istituire il nuovo Albo delle Botteghe Storiche e dei Mercati Storici;

- sarà necessario avviare nuove istruttorie per la verfica e/o la conferma dei requisiti di "Bottega Storica" sulla base dei nuovi criteri individuati;

- nell'ambito del censimento svolto per la Provincia di Bologna, alcuni titolari di attività commerciali, artigianali e di pubblico esercizio hanno manifestato il proprio interesse ad essere iscitti all'Albo delle Botteghe storiche del Comune di Bologna ed il Comune ha provveduto a segnalarli alla Provincia per l'effettuazione del censimento, le cui istruttorie sono ancora in corso e verranno definite sulla base dei nuovi criteri regionali;

Rilevato inoltre che l'applicazione della nuova normativa relativa all'istituzione delle Botteghe Storiche e del sistema di verifica e controllo ad essa connesso comporta una attività di istruttoria piuttosto complessa, con il coinvolgimento anche di enti terzi, in relazione alle indagini storiche tese a verificare il possesso dei requisiti ai sensi della L.R. 10 marzo 2008 n.5 e per le quali si rende necessario richiedere all'istante il pagamento di una somma a titolo di diritti d'istruttoria;

Ritenuto pertanto necessario:

- stabilire in € 150,00 € la somma che dovrà essere corrisposta al Comune di Bologna per ogni richiesta di iscrizione secondo le modalità dallo stesso individuate, a titolo di diritti di istruttoria;

- procedere all'iscrizione d'ufficio previo assenso del titolare dell'attività, e del proprietario dell'immobile, non richiedendo il pagamento dei diritti d'istruttoria nei seguenti casi:
  • per le attività per cui il Comune di Bologna entro la data di esecutività della delibera P.G. n. 290132/2008 ha già avviato le istruttorie per la verifica dei requisiti compatibili con i nuovi criteri indicati dalla legge regionale;
  • per le attività localizzate sul territorio comunale già iscritte all' Atlante delle Botteghe Storiche della Provincia di Bologna per le quali la Provincia stessa abbia verificato la compatibilità con i criteri indicati dalla legge regionale;

- dare atto che le Associazioni di Categoria del commercio e dell'artigianto, le Camere di Commercio e le Associazioni di Consumatori, potranno svolgere la loro opera collaborativa nell’individuazione delle attività iscrivibili all'Albo nella fase di prima attuazione di cui all'art. 1 comma 2 della Deliberazione di Giunta Regionale sopra citata, segnalando le attività entro 30 giorni dalla data di esecutività del presente atto;

- dare atto che, ai sensi delle Deliberazione di Giunta Regionale di cui sopra, l'iscrizione all'Albo anche a seguito delle segnalazioni di cui sopra è subordinata alla richiesta del titolare dell'attività, utlizzando la modulistica predisposta dal Comune e previo assenso del proprietario dell'immobile e pagamento dei diritti di istruttoria;

Rilevato :
- che sono compresi nella definizione di Mercato storico i complessi unitari, di proprietà pubblica, di particolare valore storico-artistico-architettonico, destinati ad attività commerciali, artigianali e di pubblico esercizio da almeno 50 anni;

- che è definito, in questa prima fase, Mercato storico il solo Mercato delle Erbe del Comune di Bologna ed i successivi saranno individuati dalla Giunta Comunale;

- che il Settore Attività Produttive e Commerciali è l'ufficio competente alla gestione dell'Albo delle Botteghe Storiche e dei Mercati Storici;

Ritenuto necessario:

- abrogare l'attuale Albo delle Botteghe Storiche per istituire il nuovo Albo delle Botteghe Storiche e dei Mercati Storici;

- abrogare tutte le disposizioni precedenti emanate dal Comune di Bologna e approvare le nuove disposizioni operative, allegate al presente atto di cui costituiscono parte integrante e sostanziale;

Viste le disposizioni operative allegate al presente atto

Sentiti i Presidenti di quartiere in data 4 dicembre 2008 nell'ambito della Conferenza dei Presidenti;

Sentite le Commissioni competenti;

Dato atto che, ai sensi dell’art. 49, comma 1, del D.Lgs 18 agosto 2000, n. 267, è stato richiesto e formalmente acquisito agli atti il parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica, espresso dal Responsabile del Settore Attività Produttive e Commerciali;

Su proposta del Settore Attività Produttive e Commerciali;


DELIBERA

1) di approvare i nuovi criteri di individuazione delle Botteghe Storiche e dei Mercati storici, ai sensi della L.R. 10 marzo 2008 n.5 e della delibera della Provincia di Bologna P.G. n.377826/08, di cui alle disposizioni operative allegate al presente atto di cui costituiscono parte integrante e sostanziale;
2) di istituire conseguentemente il nuovo Albo delle Botteghe Storiche e dei Mercati Storici e di abrograre il preesistente Albo delle Botteghe Storiche e dei Mercati storici, istituito con deliberazione del Consiglio comunale PG n.104637/2000 OdG n. 204/2000, recante "Approvazione delle misure di salvaguardia delle attività commerciali, artigianali e pubblici esercizi di cui all'art. 10, L.R. 5.07.1999 n. 14 - Revoca delle deliberazioni consiliari PG n. 39734/99 e PG n. 123284/99";
3) di abrogare integralmente la deliberazione del Consiglio comunale PG n. 104637/2000, confermando l'abrogazione delle deliberazioni consiliari PG n. 39734/99 e PG n. 123284/99, sopra citate;

4) di comprendere nella definizione di Mercato storico i complessi unitari, di proprietà pubblica, di particolare valore storico-artistico-architettonico, destinati ad attività commerciali, artigianali e di pubblico esercizio da almeno 50 anni e di dare mandato alla Giunta di provvedere con successivi provvedimenti all'individuazione dei Mercati Storici di proprietà pubblica;

5) di definire Mercato storico il Mercato delle Erbe del Comune di Bologna;

6) di individuare il Settore Attività Produttive e Commerciale quale ufficio competente alla gestione dell'Albo delle Botteghe Storiche e dei Mercati Storici;

7) di stabilire in € 150,00 la somma che i titolari richiedenti l'iscrizione all'Albo, dovranno corrispondere al Comune di Bologna per ogni richiesta di iscrizione secondo le modalità dallo stesso individuate, a titolo di diritti di istruttoria;

8) di procedere all'iscrizione d'ufficio previo assenso del titolare dell'attività, non richiedendo il pagamento dei diritti d'istruttoria nei seguenti casi:
  • per le attività per cui il Comune di Bologna entro la data di esecutività della delibera P.G. n. 290132/2008 ha già avviato le istruttorie per la verifica dei requisiti compatibili con i nuovi criteri indicati dalla legge regionale;
  • per le attività localizzate sul territorio comunale già iscritte all'Atlante delle Botteghe Storiche della Provincia di Bologna per le quali la Provincia stessa abbia verificato la compatibilità con i criteri indicati dalla legge regionale;

9) di dare atto che le Associazioni di Categoria del commercio e dell'artigianto, le Camere di Commercio e le Associazioni di Consumatori, potranno svolgere la loro opera collaborativa nell’individuazione delle attività iscrivibili all'Albo, segnalando le attività entro 30 giorni dalla data di esecutività del presente atto;

10) di dare atto che l'iscrizione all'Albo anche a seguito delle segnalazioni di cui sopra è subordinata alla richiesta del titolare dell'attività, con assenso del proprietario e previo pagamento dei diritti di istruttoria;

11) di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile - ai sensi dell'art. 134, comma 4, del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267.




Documenti allegati - parte integrante

File Name
allegato delibera botteghe storiche.doc