Atto del Consiglio

 

Dati dell' atto

PG (Nr. / Anno) 161899  /  2016
O.d.g. (Nr. / Anno) 245  /  2016
Data seduta 23/05/2016
Data esecutività 23/05/2016
Unità di riferimento Piani e Progetti Urbanistici
Oggetto PARERE DI COMPETENZA, AI SENSI DELL'ART. 3 DEL DPR 383 DEL 18 APRILE 1994,  PER LA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO PARCHEGGIO A SERVIZIO DELL'AEROPORTO NELL'AREA COMPRESA TRA VIA DELL'AEROPORTO E LA TANGENZIALE DI BOLOGNA, IN PROSSIMITA' DELL'USCITA 4.


Testo dell'atto

La Giunta propone al Consiglio la seguente deliberazione:
IL CONSIGLIO

PREMEMSSO CHE :

- in data 25 luglio 2014 è pervenuta da parte della Regione Emilia-Romagna la richiesta - corredata dalla relativa documentazione e registrata al PG n. 218215/2014 – ai fini dell'accertamento della conformità urbanistico-edilizia di cui all'art. 81 del DPR 616/1977 e dell'art. 3 del DPR n. 383/19974, richiesta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Provveditorato Interregionale per le OO.PP. Emilia Romagna – Marche, relativamente al progetto per la realizzazione di un nuovo parcheggio a servizio dell'aeroporto nell'area compresa tra via dell'Aeroporto e la tangenziale di Bologna, in prossimità dell'uscita 4;

- il progetto prevede la realizzazione di un nuovo parcheggio custodito per autoveicoli all'esterno dell'area aeroportuale, con la finalità di incrementare il numero dei posti auto riservati agli utenti dell'infrastruttura, attraverso la riqualificazione di un lotto di terreno già parzialmente urbanizzato e utilizzato in passato dalla Società Autostrade come area di stoccaggio di materiale da cantiere.

- il progetto prevede, altresì, la costruzione di un box prefabbricato per il presidio del parcheggio, interventi alla viabilità esistente funzionali all'accessibilità pedonale al parcheggio dalla struttura aeroportuale (saranno realizzati un attraversamento pedonale e un ampliamento della sede stradale di via dell'Aeroporto in fregio all'area aeroportuale militare), nonché opere di adeguamento della rete fognaria e di pubblica illuminazione;

- con attestato reso dal Settore Piani e Progetti Urbanistici in data 14 settembre 2014 l'intervento è stato dichiarato non conforme alla strumentazione urbanistica, in quanto la trasformazione dell'area interessata verso una destinazione strettamente funzionale allo sviluppo delle attività aeroportuali, risultando esterna al perimetro di ambito delle attività aeroportuali individuato dallo specifico Accordo Territoriale - sottoscritto in data 15/07/2008 da Regione Emilia-Romagna, Provincia di Bologna, Comuni di Bologna e Calderara di Reno, S.A.B. Aeroporto di Bologna SpA - può essere disciplinata solamente attraverso il Piano operativo comunale, ai sensi delle norme vigenti;

- è stata, inoltre, rilevata la non conformità al RUE dell'incremento volumetrico previsto dal progetto per la realizzazione dell'edificio di servizio al parcheggio e la necessità di una verifica della sua collocazione in relazione alla fascia di rispetto stradale;

VERIFICATO CHE ai sensi dell'art. 3 del DPR 383/94 e dell'art. 37 della L.R. 20/2000, per la localizzazione di opere pubbliche di interesse statale non conformi agli strumenti urbanistici è necessaria l'intesa Stato – Regione, da raggiungersi in sede di Conferenza dei Servizi sentito il Comune interessato;

DATO ATTO che:

- in data 9 giugno 2015, con comunicazione registrata al PG n. 175184/2015, il Settore Piani e Progetti Urbanistici informava il proponente e gli enti coinvolti nel procedimento dell'esclusione del progetto dalla procedura di VIA, vista la nuova soluzione progettuale ridotta a 249 posti auto presentata in data 29 aprile 2015 con con PG 121873/2015;

- in data 13 luglio 2015, con nota registrata al PG n. 229718/2015, è pervenuta da SAB Aeroporto di Bologna una copia degli elaborati di progetto per l'avvio della Conferenza dei Servizi, la cui prima seduta – convocata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Provveditorato Interregionale per le opere Pubbliche per la Lombardia e l'Emilia Romagna - si è svolta il successivo 15 luglio con esito negativo, stante l'impossibilità di procedere a una valutazione in quanto gli elaborati non erano stati adeguati alle prescrizioni dettate dal Comune, come attestato dal verbale acquisito dal Provveditorato con PG n. 356624 del 16 novembre 2015 e conservato agli atti;

- al fine di consentire al proponente di aggiornare gli elaborati da presentare al Provveditorato, si è svolta una attività pre istruttoria che ha coinvolto i progettisti di SAB ed i settori tecnici dell'amministrazione comunale (Piani e Progetti Urbanistici, Mobilità Sostenibile e Infrastrutture, Ambiente ed Energia) al fine di condividerne i contenuti;

- in data 9 marzo 2016 si è svolta la prima seduta della nuova conferenza dei servizi, convocata dal Ministero con nota registrata al PG n.58075/2016, che si è aggiornata a data successiva per consentire ai proponenti di adeguare nuovamente il progetto alle richieste di ARPAE e dell'Autorità di Bacino, in merito alla definizione di un recapito certo delle acque meteoriche e alla necessità di laminazione delle stesse, nonché alle prescrizioni del Comando dell'Aeroporto Militare "G. Pesci" relative all'implementazione delle necessarie condizioni di sicurezza;

- nella seduta del 13 aprile 2016 il Provveditorato, visti i pareri ed i nullaosta resi dai soggetti partecipanti alla Conferenza dei Servizi, ha concluso la stessa con l'approvazione del “Progetto esecutivo per la realizzazione di un nuovo parcheggio a servizio dell'aeroporto G. Marconi nell'area compresa tra via dell'Aeroporto e la tangenziale di Bologna, in prossimità dell'uscita 4”, dando atto che potrà essere concluso il procedimento con l'emissione del provvedimento finale solo a seguito dell'acquisizione della Delibera di Giunta Regionale e della Delibera del Consiglio Comunale;

RILEVATO CHE:

- l'immobile oggetto dell'intervento è localizzato all’interno dell'Ambito da riqualificare specializzato “n. 123 Aeroporto Marconi”, disciplinato dall’art. 22 del PSC vigente; i terreni appartengono alla fascia di rispetto infrastrutturale della tangenziale e sono stati utilizzati come area di cantiere e stoccaggio per la sua realizzazione;

- l'intervento non è compreso in alcun vigente Piano Operativo Comunale;

l'intervento risulta non conforme alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente, in quanto la riqualificazione dell'area interessata dall'intervento verso una destinazione funzionale e complementare all'attività aeroportuale, risultando esterna al perimetro di ambito delle attività aeroportuali individuato dallo specifico accordo territoriale - nonché le opere di adeguamento dell’infrastruttura non oggetto del Piano di sviluppo aeroportuale - possono essere disciplinate solamente attraverso il Piano Operativo Comunale, ai sensi delle norme vigenti;

- l’area è soggetta a diversi vincoli e tutele - rilevabili dal foglio n. 7 scala 1:5000 della Tavola dei Vincoli, approvata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 200/2015 - così come specificatamente indicato nell'istruttoria tecnica, in atti al presente provvedimento;

- l'intervento previsto risulta nel complesso compatibile con i vincoli e le tutele di cui sopra detto, ad eccezione dell'intervento di nuova costruzione dell'edificio di servizio al parcheggio che ricade in fascia di rispetto stradale dello svincolo della tangenziale, comunque già autorizzato dalla Società Autostrade;

- l'opera non interessa zone di tutela paesaggistica e ambientale;

- l'opera non interessa aree soggette a vincolo idrogeologico di cui al RDL 3267/23.

- il Comune è dotato di classificazione sismica di I livello e che, non essendo l'opera compresa nell'elenco relativo alle categorie di edifici di interesse strategico e opere infrastrutturali la cui funzionalità durante gli eventi sismici assume rilievo fondamentale per le finalità di protezione civile né nell'elenco categorie di edifici e opere infrastrutturali che possono assumere rilevanza in relazione alle conseguenze di un eventuale "collasso”, entrambi approvati con Deliberazione della Giunta regionale n. 1661 del 02/11/2009, l'area interessata dall'intervento non è soggetta ad uno studio di livello di maggiore approfondimento;

PRESO ATTO che l'intervento proposto si rende necessario per migliorare il servizio offerto agli utenti della stazione aeroportuale incrementando il numero dei posti auto a loro riservati;

VERIFICATO :
l'esito positivo della conferenza conclusiva tenutasi il 13 aprile 2016;
che successivamente alla conclusione della Conferenza dei Servizi il Provveditorato ha informato i partecipanti che ARPAE ha espresso parere favorevole con prescrizioni, così come favorevole è divenuto il parere del Comando Militare Esercito "Emilia Romagna, e che pertanto tutti i pareri sono favorevoli, eventualmente con prescrizioni per la fase esecutiva;
gli elaborati in atti al Settore, su cui si è svolta l'istruttoria tecnica, ed in particolare la nuova integrale documentazione acquisita con PG n. 124642/16 e PG n. 139732/2016 ( quest'ultimo in formato cartaceo):
  • Relazione di caratterizzazione stratigrafica
  • Dichiarazione sulle modalità smaltimento rifiuti
  • Dichiarazione di conformità alle norme vigenti in materia di accessibilità e superamento delle barriere architettoniche
  • Relazione tecnica descrittiva - Allegato A
  • Relazione idraulica - Allegato B
  • Relazione illuminotecnica - Allegato C
  • Relazione di calcolo delle strutture di fondazione box presidio - Allegato T
  • Tav. 1 - Progetto esecutivo – Corografia ed inserimento su foto aerea – Scala 1:2000/1:5000
  • Tav. 2/1 - Progetto esecutivo – Planimetria stato di fatto – 1° stralcio – Scala 1:250
  • Tav. 2/2 - Progetto esecutivo – Planimetria stato di fatto – 2° stralcio – Scala 1:250
  • Tav. 3 - Progetto esecutivo – Planimetria di progetto – planimetria marciapiede e attraversamento pedonale – Scala 1:100/1:250
  • Tav. 4 - Planimetria interventi
  • Tav. 5 - Progetto esecutivo – Planimetria interventi sulla pavimentazione/particolari costruttivi – Scala 1:5/1:10/1:250/1:5000
  • Tav. 6 - Progetto esecutivo – Reti di fognatura bianca e nera/Rete idrica – Scala 1:500/1:100
  • Tav. 7 - Progetto esecutivo – Planimetria di progetto – Illuminazione esterna e TVCC – Scala 1:250
  • Tav. 8/1 - Progetto esecutivo – Particolare accesso, box presidio e posto auto disabile – Scala 1:100/1:250
  • Tav. 8/2 - Progetto esecutivo – Particolare e sezioni attraversamento pedonale e barriera di accesso – Scala 1:100/1:250
  • Tav. 9 - Progetto esecutivo platea di fondazione box prefabbricato – Scala 1:50/1:10
  • Tav. 10 - Progetto esecutivo – Planimetria di progetto della segnaletica – Scala 1:250
  • Tav. 11 - Particolari esecutivi - Scala 1:50/1:10
RILEVATO, altresì, come risulta dall'istruttoria tecnica svolta dall'U.I. Gestione Urbanistica del Settore Piani e Progetti urbanistici, in atti, che tali elaborati sono adeguati ai fini dell'espressione del parere comunale sulla localizzazione dell'opera;

CONSIDERATO che l'espressione del parere di competenza del Consiglio Comunale è atto indifferibile ed improrogabile, ai sensi dell'art. 38 comma 5 del D.Lgs. 267/2000, in quanto necessario per concludere il procedimento in capo al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Provveditorato Interregionale per le OO.PP. Lombardia Emilia-Romagna, per consentirgli l'emissione del provvedimento finale che approva il progetto del nuovo parcheggio dell'aeroporto G. Marconi di cui all'oggetto, su cui si è già espressa favorevolmente la Conferenza dei Servizi nella seduta conclusiva del 13 aprile 2016 ed in cui verbale è in corso di stesura;

Vista l'istruttoria del tecnico incaricato e del Responsabile dell’U.I. Gestione Urbanistica del Settore Piani e Progetti urbanistici, in atti, cui si fa espressamente e integralmente rinvio;

Visti:
- l'art.81 del DPR 24 luglio 1977 n. 616 e ss.mm.ii.;
- il DPR 18 aprile 1994 n. 383 e ss.mm.ii.;
- l'art.37 della Legge Regionale 24 marzo 2000 n. 20;

Dato atto che, ai sensi dell'art. 39 del D.Lgs 33/2013, lo schema della presente proposta di deliberazione è pubblicato sul sito www.comune.bologna.it nella sezione Amministrazione Trasparente - Pianificazione e Governo del Territorio, preliminarmente alla sua approvazione;

Dato atto altresì, che la presente deliberazione non comporta riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico- finanziaria o sul patrimonio dell'ente;

Preso atto, ai sensi dell'art. 49, comma 1, del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, così come modificato dal D.L.n.174/2012, del parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica, espresso dal Responsabile del Settore Piani e Progetti Urbanistici e della dichiarazione espressa dal Responsabile dell'Area Risorse Finanziarie che il parere di regolarità contabile non è dovuto;

Sentite le Commissioni Consiliari competenti,

Su proposta del Settore Piani e Progetti Urbanistici, d'intesa con il Capo Dipartimento Riqualificazione Urbana;

D E L I B E R A


1. DI ESPRIMERE, ai sensi dell'art. 37 comma 2 della L.R. 20/2000 e per le ragioni di cui in premessa, parere favorevole alla realizzazione del progetto per un nuovo parcheggio a servizio dell'aeroporto G. Marconi, nell'area compresa tra via dell'Aeroporto e la tangenziale di Bologna, in prossimità dell'uscita 4, nel rispetto dei seguenti contributi tecnici:

“Contributo Settore Mobilità sostenibile e infrastrutture - U.I. Piani Sistemi e Progetti:


Si condivide la nuova soluzione progettuale del marciapiede sul lato nord di via dell'Aeroporto e l'eliminazione della corsia di svolta per l'accesso al parcheggio prevista in precedenza. Si richiede il mantenimento degli archetti parapedone esistenti sulla via dell'Aeroporto, si ribadisce la necessità di una verifica sui passi carrai esistenti (autorizzazione, funzione e conformità alla normativa), si danno indicazioni per il posizionamento di fittoni in corrispondenza dell'attraversamento pedonale e si richiede la sostituzione del portale luminoso con dispositivi lampeggianti led. Si segnala un'imprecisione nella descrizione dell'attraversamento pedonale contenuta nella relazione illustrativa. Si ribadisce che tutta la segnaletica installata dovrà essere a norma del Codice della Strada e si richiama l'attenzione sul corretto posizionamento dei rallentatori ottici e sulla segnaletiche delle aree private aperte al pubblico.
Si segnala l'opportunità di realizzare il marciapiede previsto sul lato nord della strada includendo anche l'allargamento della porzione terminale dell'esistente marciapiede, limitatamente al tratto di quest'ultimo antistante l'attuale attraversamento pedonale posto in prossimità della rotatoria. Si ribadisce quanto già richiesto in merito alla rete di raccolta delle acque stradali facendo riferimento al contributo già trasmesso nel 2014 (tipologia e dimensione pozzetti, dimensioni loro collegamento, caratteristiche canalette grigliate da collocare agli estremi dell'attraversamento pedonale, soluzione progettuale che eviti la formazione di ristagni in corrispondenza degli accessi carrabili al parcheggio). Si chiede inoltre di esplicitare graficamente la trasformazione in bocche di lupo di due caditoie esistenti sul lato nord di via dell'Aeroporto e di risolvere il problema della raccolta delle acque meteoriche sul lato sud della carreggiata stradale. Per quanto riguarda l'impianto di pubblica illuminazione si chiede di recepire quanto già comunicato con contributo informale nel 2015 (posizione punti luce lato sud strada, posizionamento pozzetti sul marciapiede in fregio alla recinzione in confine con la fascia di sicurezza dell'aeroporto militare). Inoltre si chiede di valutare quanto già suggerito al paragrafo "C" del contributo del 2014 (adeguata illuminazione della carreggiata stradale attraverso la modifica dei punti luce già previsti nel progetto, corretta illuminazione dell'attraversamento senza punti luce aggiuntivi e attraverso una più razionale disposizione dei punti luce previsti, adeguamento dei calcoli illuminotecnici e della tipologia di alimentazione dei punti luce, inserimento della dicitura "Pubblica Illuminazione" sulle botole, indicazione della profondità di posa dell'impianto negli elaborati grafici). A margine si segnala la necessità di definire l'onere manutentivo della recinzione di delimitazione della fascia di sicurezza dell'aeroporto militare “

“Contributo Settore Ambiente ed Energia - U.I. Qualità Ambientale - U.I. Verde e Tutela del Suolo:

Si richiama il Regolamento del Verde in merito alla possibilità di abbattimento delle alberature e alla loro sostituzione con alberature della stessa classe di grandezza e l'orientamento espresso dall'Amministrazione in riferimento al rapporto 1:1 previsto in caso di intervento di interesse pubblico. Si ritiene che possa essere prevista una deroga alla loro localizzazione qualora non sia possibile nessuna razionale alternativa. Si ribadisce che l'ipotesi progettuale è ammissibile solo in caso di deroga al Regolamento Comunale del Verde Pubblico e Privato ed è subordinata alla pubblica utilità dell'opera. Si segnala che l'abbattimento dei 6 esemplari appartenenti al genere Platanus è soggetta a esplicita autorizzazione del Servizio Fitosanitario Regionale.
Si prescrive il posizionamento della recinzione richiesta dall'esercito in adiacenza al marciapiede, senza includere porzioni di area verde, e si comunica che la manutenzione della stessa non sarà presa in carico dall'U.O. Manutenzione Verde Pubblico. In caso di manutenzione dell'area recintata a carico dell'amministrazione comunale dovranno essere previsti cancelli di larghezza non inferiore ai 3 m. Nulla osta alla sistemazione interna del parcheggio. Si ricorda che la formale presa in carico manutentiva delle aree a verde pubblico dovrà essere perfezionata con il passaggio patrimoniale al Comune delle aree interessate.
Nell'aiuola a prato, collocata in fregio alla via dell'Aeroporto fra l'ingresso del parcheggio e l'attraversamento pedonale, non dovranno essere ubicate reti e sottoservizi, che andranno invece posizionati sotto il marciapiede o la strada, e che le eventuali reti non diversamente localizzabili dovranno essere addossate al cordolo perimetrale della stessa”
2. DI TRASMETTERE la presente deliberazione, nonché l'istruttoria tecnica ed i pareri acquisiti, alla Regione Emilia-Romagna, competente all'intesa ai sensi dell'art. 37 della L.R. n. 20/00 e della deliberazione della Giunta Regionale 4 luglio 2000, n. 1100.

Infine, con votazione separata,


D E L I B E R A
DI DICHIARARE la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 134, comma 4, del D.Lgs 267 del 18.8.2000 (T.U.E.L.), per consentire al Provveditorato Interregionale per le OO.PP: Lombardia - Emilia-Romagna di adottare tempestivamente l'atto finale del procedimento, su cui si è già espressa in via definitiva la Conferenza dei Servizi in data 13 aprile 2016.