Atto della Giunta

 

Dati dell' atto

PG (Nr. / Anno) 293258  /  2018
Progr. (Nr. / Anno) 161  /  2018
Data seduta 10/07/2018
Data esecutività 10/07/2018
Unità di riferimento Area Economia e Lavoro
Oggetto APPROVAZIONE DEL PROTOCOLLO DI INTESA CON LA CITTA' METROPOLITANA E L'ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA PER LO SVILUPPO DI AZIONI INFORMATIVE E DI ACCOGLIENZA PROPEDEUTICHE ALL'ACCESSO ALL'ORGANISMO DI COMPOSIZIONE DELLE CRISI DI CUI ALLA LEGGE 27 GENNAIO 2012 N. 3.


Testo dell'atto

La Giunta


Premesso:

- che la Legge 27 gennaio 2012, n. 3 “Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovraindebitamento” ha introdotto diverse procedure volte ad ottenere l’estinzione, sotto il controllo del tribunale, delle obbligazioni del debitore non assoggettabile a fallimento (come ad esempio il lavoratore autonomo, l'imprenditore agricolo o l'ente non commerciale) che si trovi in una situazione di crisi da sovraindebitamento, intesa quale situazione di “perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per farvi fronte, che determina la rilevante difficoltà di adempiere le proprie obbligazioni, ovvero la definitiva incapacità di adempierle regolarmente”;

- che la procedura introdotta dalla citata legge 3/2012 permette al debitore non soggetto a fallimento la possibilità di:
 proporre ai creditori un accordo di ristrutturazione dei debiti (anche finalizzato alla prosecuzione dell’attività dell’impresa);
 proporre un piano di ristrutturazione del debito senza previo accordo con i creditori, se le obbligazioni contratte sono estranee all’attività professionale del debitore (c.d. “piano del consumatore“);
 liquidare il patrimonio, attraverso la specifica procedura di liquidazione da sovraindebitamento;

- che il debitore che intenda ricorrere ad una delle tre procedure deve necessariamente rivolgersi ad un "Organismo di Composizione della Crisi: tali organismi possono essere costituiti:
 da enti pubblici dotati di requisiti di indipendenza e professionalità;
 dagli organismi di conciliazione costituiti presso le camere di commercio;
 dal segretariato sociale;
 dagli ordini professionali degli avvocati, dei commercialisti ed esperti contabili e dei notai;

- che l'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bologna ha costituito un "Organismo di Composizione della Crisi" con funzione di supporto al debitore per la compilazione del modulo “Domanda di valutazione” e della raccolta di documentazione;

Rilevato:

- che la funzione degli "Organismi di Composizione della Crisi" è di particolare rilevanza nell'attuale contesto economico e sociale;

- che la Città metropolitana, il Comune e l'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bologna hanno valutato l'opportunità di rafforzare lo strumento esistente mettendo in sinergia i rispettivi ambiti di competenza, e - convenendo sulla necessità di fornire una adeguata informazione agli utenti sulle caratteristiche e sulle possibilità offerte dalla nuova disciplina - prevedere l'attivazione, nell'ambito dell'Organismo di Composizione della Crisi costituito presso l'Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Bologna, di una preventiva fase di accoglienza e ricevimento tramite uno sportello pubblico promosso da Città metropolitana di Bologna e Comune di Bologna;

- che per perseguire gli scopi sopra descritti, la Città metropolitana di Bologna e il Comune di Bologna, nell'ambito delle risorse già assegnate, si impegnano:
 a mettere a disposizione un ufficio presso la sede della Città metropolitana di Bologna per lo sportello di sovraindebitamento; la Città Metropolitana (attraverso lo staff del Tavolo di salvaguardia) gestirà l'attività di avvio del procedimento di sovraindebitamento, ovvero la prima accoglienza, il supporto nella compilazione del modulo “Domanda di valutazione” (check-list attività e passività del debitore) e la raccolta della documentazione necessaria;
 a supportare i cittadini con ulteriori indicazioni sull'esistenza di strumenti alternativi nel caso in cui non vi siano i requisiti per accedere alla procedura di sovraindebitamento;
Il Comune di Bologna si impegna inoltre a:
 realizzare iniziative di promozione al fine di illustrare l'utilità e le modalità di funzionamento dello sportello sovraindebitamento istituito presso la sede della Città metropolitana di Bologna;
 organizzare attività seminariali ed educative finalizzate all'uso responsabile del denaro;

Infine l'Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Bologna si impegna a:
 individuare i professionisti (già iscritti all'albo ministeriale dei gestori della crisi da sovraindebitamento con le modalità e i requisiti di professionalità che saranno individuati dal Consiglio dell'Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Bologna) che svolgeranno attività di consulenza a favore del debitore ai fini della redazione del piano di risanamento; tali consulenti non potranno svolgere la funzione di gestore della crisi da sovraindebitamento nell’ambito del singolo caso trattato, dovendo demandare a Organismo di Composizione della Crisi dei commercialisti di Bologna ogni decisione in merito alla prosecuzione della pratica ed al deposito del piano al Tribunale competente;
 a non richiedere il versamento di un fondo spese per l’attività di avvio della procedura di sovraindebitamento che sarà svolta dal Tavolo di Salvaguardia; si rinvia al regolamento dell’Organismo di Composizione della Crisi dell’Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Bologna per gli obblighi in capo al debitore nel caso di mandato conferito a tale organismo ed al gestore della crisi da sovraindebitamento;

Ritenuto:

- di approvare il Protocollo di intesa tra la Città metropolitana di Bologna, il Comune di Bologna e l'ordine dei Dottori commercialisti e degli esperti contabili di Bologna, per lo sviluppo di azioni informative e di accoglienza propedeutiche all'accesso all'organismo di composizione delle crisi, di cui alla legge 27 gennaio 2012 n. 3, nel testo allegato al presente atto;

- di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile, ai sensi dell'art. 134, comma 4 del D.Lgs. 18.08.00 n. 267, al fine di consentire l'immediata sottoscrizione dell'accordo;

Dato atto che il contenuto della presente deliberazione non comporta riflessi diretti/indiretti sulla situazione economico-finanziaria e sul patrimonio dell'ente in quanto dal Protocollo di Intesa che verrà stipulato non deriveranno spese per il Comune;

Preso atto, ai sensi dell'art. 49, comma 1, del D.Lgs. 18/8/2000 n. 267, così come modificato dal D.L. 174/2012, del parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica espresso dal Responsabile dell'Area Economia e Lavoro, e della dichiarazione del Responsabile dell'Area Risorse Finanziarie che il parere in ordine alla regolarità contabile non è dovuto;

Su proposta dell'Area Economia e Lavoro

A voti unanimi e palesi;
DELIBERA

DI APPROVARE, per le ragioni esposte in premessa, il protocollo di intesa con la Città Metropolitana e con l'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bologna per lo sviluppo di azioni informative e di accoglienza propedeutiche all'accesso all'organismo di composizione delle crisi, di cui alla legge 27 gennaio 2012 n. 3, autorizzando il soggetto incaricato della sottoscrizione per il Comune di Bologna ad apportare in sede di stipula modifiche non sostanziali eventualmente necessarie per il conseguimento delle finalità dell'accordo.

infine, con votazione separata, all'unanimità
DELIBERA


DI DICHIARARE il presente provvedimento immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 134, comma 4, del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267.




Documenti allegati - parte integrante

File Name
ProtocolloIntesaCMOrdineDottoriComm.pdf