Atto del Consiglio

 

Dati dell' atto

PG (Nr. / Anno) 271235  /  2018
O.d.g. (Nr. / Anno) 359  /  2018
Data seduta 23/07/2018
Data esecutività 23/07/2018
Unità di riferimento Piani e Progetti Urbanistici - Dipartimento Cultura e Promozione della Città - Dipartimento Urbanistica Casa e Ambiente
Oggetto VARIANTE NORMATIVA ALL'ART. 32 COMMA 3 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO (RUE) VIGENTE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE NORME A TUTELA DELL'ESERCIZIO CINEMATOGRAFICO: APPROVAZIONE.


Testo dell'atto

La Giunta propone al Consiglio la seguente deliberazione:
IL CONSIGLIO

Premesso che:

il Comune di Bologna, in ossequio alle previsioni di cui alla L.R. n. 20/2000, annovera tra gli “Strumenti della pianificazione urbanistica comunale”, di cui agli artt. 28 e ss., il Regolamento Urbanistico Edilizio (RUE) approvato con deliberazione O.d.G. n. 137 del 20 aprile 2009, P.G. n. 83079/2009, in vigore dal 20 maggio 2009;

nel tempo detto Regolamento è stato oggetto sia di varianti specifiche che di varianti normative di adeguamento alle novelle legislative e normative intervenute tra cui il D.P.R. n. 380/2001 e la L.R. n. 15/2013 che hanno condotto alla variante normativa approvata con deliberazione P.G. n. 78340/2015, O.d.G. n. 201/2015 del 20/04/2015 e, più di recente, la deliberazione n. 922 del 28 giugno 2017 con cui la Giunta Regionale ha approvato lo schema di Regolamento Edilizio-Tipo e le Definizioni Tecniche Uniformi cui è seguito l’adeguamento delle disposizioni regolamentari del Comune come da deliberazione P.G. n. 429342/2017, O.d.G. n. 443 del 4/12/2017;

in data 01 luglio 2017 è entrata in vigore la L.R. n. 12/2017 di riordino della disciplina edilizia, che ha reso necessaria una ulteriore variante normativa di adeguamento, adottata con deliberazione P.G. n. 441117/2017, O.d.G. n. 4/2018, del 04/04/2018 per cui il termine per la presentazione di osservazioni da parte degli interessati è scaduto in data 11 giugno 2018 (le osservazioni pervenute sono ora al vaglio degli uffici competenti per le controdeduzioni);

nelle more del predetto procedimento di adeguamento normativo si è, inoltre, resa necessaria, per ragioni di opportunità, una modifica puntuale al RUE vigente, art. 32 comma 3, adottata con deliberazione P.G. n. 370602/2017, O.d.G. n. 377/2017 del 30/10/2017, pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia – Romagna n. 308 del 15/11/2017;

Considerato, infatti, che:

la legislazione di settore, la L.R. n. 12/2006, la L.R. n. 20/2014, la L. n. 220/2016, favorisce e incentiva la crescita del sistema degli esercizi cinematografici, consentendo la realizzazione di nuove sale e favorendo la riapertura di quelle dismesse o la trasformazione delle sale esistenti nei centri storici, fissando gli indirizzi generali che devono orientare l’azione amministrativa degli enti locali in materia di autorizzazione allo svolgimento delle attività cinematografiche, nel rispetto degli strumenti di pianificazione urbanistica comunale;

al fine di rendere operativi tali indirizzi il RUE vigente, art. 32, ha regolamentato i cambi di destinazione d'uso degli esercizi cinematografici di interesse comunale esistenti e, con la variante in oggetto, l'Amministrazione intende rafforzare le norme a tutela e valorizzazione degli esercizi cinematografici e con esse la ratio stessa delle previsioni regolamentari vigenti volte a impedire trasformazioni che nei fatti snaturano la destinazione originaria delle sale cinematografiche esistenti nel solco delle diverse azioni di promozione della cultura cinematrografica a Bologna e della tradizione di aggregazione sociale che sono capaci di determinare;

le modifiche da apportare all’art. 32 del RUE sono state dettagliate e motivate nella Relazione tecnico - illustrativa; le modifiche al testo del corpo normativo sono state rappresentate con diverse colorazioni secondo la legenda riportata;

Atteso che:

nelle more di completamento di detto procedimento è intervenuta la nuova legge urbanistica regionale, L.R. n. 24/2017, entrata in vigore il 01/01/2018, che, pur abrogando espressamente la L.R. n. 20/2000, consente ai Comuni, durante la fase transitoria verso la nuova pianificazione, il completamento dei processi avviati in precedenza applicando la previgente disciplina; tale possibilità è stata confermata nelle “Prime indicazioni applicative della nuova legge urbanistica regionale (L.R. n. 24/2017)” fornite dalla Regione Emilia Romagna con atto PG/2018/0179478 del 14/03/2018;

è, pertanto, applicabile la previgente disciplina prevista dall’art. 33 della L.R. n. 20/2000 per il procedimento di approvazione del RUE e sue varianti;

Verificato che:

si è provveduto, ai sensi del citato art. 33, alla redazione della intervenuta modifica in forma di testo coordinato con evidenza delle abrogazioni, sostituzioni e modifiche;

la deliberazione di adozione della variante in oggetto e relativi allegati è stata pubblicata sul sito istituzionale dell’ente e depositata presso il Settore Servizi per l’Edilizia – U.I. Sportello Unico per l’Edilizia - per sessanta giorni consecutivi decorrenti dalla data di pubblicazione sul Bur della deliberazione di adozione (15/11/2017); adozione, pubblicazione e deposito sono stati resi noti tramite avviso affisso all’albo pretorio dell’Ente per consentire a chiunque la presentazione di osservazioni;

nel termine di scadenza previsto – 15/01/2018 - sono pervenute n. 2 (due) osservazioni debitamente controdedotte come da Relazione di controdeduzioni allegata quale parte integrante del presente provvedimento che qui si intende approvare;

Dato atto che:

il responsabile del procedimento è individuato nella persona del Direttore del Settore Piani e Progetti Urbanistici, Arch. Francesco Evangelisti;

é stata acquisita l'attestazione di conformità prevista dall'art. 19 della L.R. n. 20/2000 come modificata dalla L.R. n. 15/2013 "Carta Unica e tavola dei vincoli", espressa dal Responsabile del Settore Piani e Progetti Urbanistici;

non è stato acquisito il parere dei Quartieri poiché il Regolamento sul Decentramento esenta detta variante da tale richiesta trattandosi di modifica normativa di carattere definitorio senza ricadute ulteriori sul territorio rispetto a quanto già disciplinato dal RUE vigente sul quale i Quartieri si sono già espressi nel relativo iter di approvazione (di ciò è stata data informativa nell'iter di adozione in sede di Conferenza dei Presidenti);

ai sensi dell'art. 39 del D.Lgs n. 33/2013, la presente deliberazione è pubblicata sul sito web del Settore Piani e Progetti Urbanistici all'indirizzo http://www.comune.bologna.it/urbanisticaedilizia nella sezione Amministrazione Trasparente - Pianificazione e Governo del Territorio;

la presente deliberazione non comporta riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico - finanziaria o sul patrimonio dell'ente;

degli elaborati è stata realizzata copia in formato digitale nella versione originale, che viene con il presente provvedimento approvata, quale passaggio indispensabile per la sua diffusione, anche attraverso il sito web del Comune di Bologna e dei servizi internet del Sistema Informativo Territoriale (SIT), espressamente dedicati alla consultazione e distribuzione in formato digitale dei documenti costituenti il RUE;

si rende necessario attribuire efficacia amministrativa al formato digitale degli elaborati del RUE, allegati parte integrante al presente provvedimento, per un loro completo utilizzo e disponibilità;


Visti:

gli artt. 29 e 33 della L.R. n. 20/2000; l’art. 4 della L.R. n. 24/2017; le “Prime indicazioni applicative della nuova legge urbanistica regionale (L.R. n. 24/2017)” fornite dalla Regione Emilia Romagna, par. I e IV;


Richiamate le modifiche allo schema organizzativo del Comune di Bologna di cui all'Allegato A della deliberazione P.G. n. 162156/2018, Prog. n. 95/2018 del 24/04/2018, che ha determinato una modifica nell'intestazione della presente deliberazione, rispetto a quella adottata, come segue:

Dipartimento Cultura e Promozione della Città con riallocazione delle funzioni dell’Area Cultura e Rapporti con l’Università e Dipartimento Urbanistica, Casa e Ambiente già Dipartimento Riqualificazione Urbana;

Preso atto, ai sensi dell'art. 49, comma 1, del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, così come modificato dal D.L. 174/2012, dei pareri favorevoli in ordine alla regolarità tecnica espressi rispettivamente dal Responsabile del Settore Piani e Progetti Urbanistici, dal Responsabile del Dipartimento Cultura e Promozione della Città e dal Responsabile del Dipartimento Urbanistica, Casa e Ambiente e della dichiarazione del Responsabile dell'Area Risorse Finanziarie che il parere in ordine alla regolarità contabile non è dovuto;

Su proposta del Settore Piani e Progetti Urbanistici, del Dipartimento Cultura e Promozione della Città e del Dipartimento Urbanistica, Casa e Ambiente;

Sentito il Settore Servizi per l'Edilizia;

Sentite le competenti Commissioni consiliari;
D E L I B E R A

1) DI APPROVARE, per i motivi esposti in premessa da intendere qui integralmente richiamati, ai sensi dell’art. 33 della L.R. n. 20/2000 e successive modificazioni, la Variante all'art. 32 comma 3 "Esercizio cinematografico" del Regolamento Urbanistico Edilizio (Rue), così come definito nel documento coordinato con evidenza delle abrogazioni, sostituzioni e modifiche, allegato parte integrante della presente deliberazione unitamente alla Relazione tecnico - illustrativa e alla Relazione di controdeduzioni alle osservazioni pervenute;

2) DI DARE ATTO che è posto in atti al presente provvedimento il testo integrato dell'art. 32 comma 3 del RUE con le modifiche predette (Rue consolidato);

3) DI ATTRIBUIRE efficacia amministrativa alla copia su supporto informatico degli elaborati costituenti la Variante di cui trattasi, riproducibile e non modificabile, parte integrante del presente provvedimento, per un loro completo utilizzo e disponibilità;

4) DI DARE ATTO che la presente deliberazione è pubblicata sul sito web del Settore Piani e Progetti Urbanistici all'indirizzo http://www.comune.bologna.it/urbanisticaedilizia nella sezione Amministrazione Trasparente - Pianificazione e Governo del Territorio;

5) DI DARE ATTO che copia integrale del RUE così approvato verrà depositata presso il Comune Settore Servizi per l’Edilizia – U.I. Sportello Unico per l’Edilizia - per la libera consultazione e trasmessa alla Città Metropolitana e alla Regione che provvederà alla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale dell’avviso di avvenuta approvazione; da tale data il RUE entrerà in vigore.

Infine, con votazione separata
D E L I B E R A

DI DICHIARARE la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 134, comma 4, del D. Lgs. 18/8/2000 n. 267.




Documenti allegati - parte integrante

Dateiname
VarianteRUE_art32cinema_relazione.pdf
RUE_var.art.32_2018_controdeduzioni.pdf
VarianteRUE_art32cinema_testo coordinato.pdf