Atto della Giunta

 

Dati dell' atto

PG (Nr. / Anno) 310644  /  2017
Progr. (Nr. / Anno) 219  /  2017
Data seduta 12/09/2017
Data esecutività 12/09/2017
Unità di riferimento Area Personale e Organizzazione - Direzione Generale
Oggetto PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE 2017-2019. PIANO ASSUNZIONI 2017


Testo dell'atto

LA GIUNTA


PREMESSO che:
- l’art. 39, comma 1 della Legge 27/12/1997 n. 449 e successive modifiche e integrazioni prevede che “Al fine di assicurare le esigenze di funzionalità e di ottimizzare le risorse per il migliore funzionamento dei servizi compatibilmente con le disponibilità finanziarie e di bilancio, gli organi di vertice delle Amministrazioni pubbliche sono tenuti alla programmazione triennale del fabbisogno del personale”;
- l’art. 91 del D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 ribadisce anche per gli Enti Locali il suddetto obbligo di programmazione triennale;
- l'art. 33 del D. Lgs.30 marzo 2001, n. 165, come sostituito dall'art. 16 della Legge 12 novembre 2011, n. 183 stabilisce che:
-“1. Le Pubbliche Amministrazioni che hanno situazioni di soprannumero o rilevino comunque eccedenze di personale, in relazione alle esigenze funzionali o alla situazione finanziaria, anche in sede di ricognizione annuale prevista dall'art. 6, comma 1, terzo e quarto periodo, sono tenute ad osservare le procedure previste dal presente articolo dandone immediata comunicazione al Dipartimento della Funzione Pubblica.
- 2. Le Amministrazioni Pubbliche che non adempiono alla ricognizione annuale di cui al comma 1 non possono effettuare assunzioni o instaurare rapporti di lavoro con qualunque tipologia di contratto pena la nullità degli atti posti in essere”.

DATO ATTO che il Comune di Bologna:
- ha ottemperato all’obbligo di contenimento delle spese di personale di cui all'art. 1 comma 557 della L. 296/2006, così come stabilito al comma 557 quater integrato dal comma 5 bis dell’art. 3 del DL 90/2014, convertito dalla Legge 114/2014;
- ai sensi dell’art. 6 comma 6 del D. Lgs. 165/2001 ha provveduto a rideterminare la dotazione organica nel triennio precedente;
- ha approvato il Piano Triennale di Azioni Positive 2015-2017 in materia di pari opportunità, ai sensi dell'art. 48, comma 1 del D. Lgs. 11 aprile 2006, n. 198;
- ha approvato il Piano della Performance per l’anno 2017.

DATO ATTO, altresì, che il Comune di Bologna ha rispettato gli obiettivi posti dalle regole sul pareggio di bilancio per l'anno 2016, come da certificazione inviata al Ministero dell’Economia e delle Finanze in data 20 marzo 2017.

DATO ATTO inoltre che, a seguito di ricognizione annuale con il coinvolgimento dei Direttori delle strutture apicali, non si rilevano situazioni di eccedenza di personale, ai sensi dell'art. 33 commi 1 e 2 del D. Lgs. 165/2001.

ACCERTATO che è rispettato il principio del “contenimento della spesa per il lavoro flessibile” in relazione a quanto previsto dall’art. 9 comma 28 del D.L. 78/2010 convertito dalla Legge 122/2010, così come modificato dall’art. 11, comma 4 bis del DL 90/2014 convertito dalla Legge 114/2014.

VISTE le deliberazioni del Consiglio Comunale:
- O.d.G. n. 365 del 22/12/2016 P.G. n.374002/2016 con la quale è stato approvato il bilancio di previsione 2017-2019 dell’Ente;
- O.d.G. n. 364 del 22/12/2016 P.G.n. 373159/2016 con la quale è stato approvato il Documento Unico di Programmazione (DUP) 2017-2019 - Sezione Strategica e Sezione Operativa che, nel Volume 9 - Sezione Operativa, definisce le linee di indirizzo per il triennio 2017-2019 relativamente alla programmazione dei fabbisogni di personale.

VISTO il D. Lgs. 25 maggio 2017, n. 75, entrato in vigore il 22 giugno 2017, con il quale sono state apportate modifiche e integrazioni al D. Lgs. n. 165/2001 e, in particolare, all’art. 35 comma 4 del Testo Unico Pubblico Impiego è stato previsto che le determinazioni relative all’avvio di procedure di reclutamento sono adottate sulla base del piano triennale dei fabbisogni approvato ai sensi dell’art. 6, comma 4 dello stesso Decreto, come modificato dal D. Lgs. 75/2017.

VERIFICATO che:
- il suddetto piano triennale dei fabbisogni deve essere adottato dalle amministrazioni in coerenza, tra l’altro, con le linee di indirizzo emanate, ai sensi dell’art. 6 ter del D. Lgs. n. 165/2001, con Decreto del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione e, con riguardo agli enti locali, il citato Decreto deve essere adottato previa intesa in sede di Conferenza unificata;
- le citate linee di indirizzo per la pianificazione del personale sono adottate entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore del D. Lgs. 75/2017 e, al momento, non sono ancora state emanate e, in ogni caso, in sede di prima applicazione, il divieto di procedere ad assunzioni in mancanza del piano triennale dei fabbisogni, si applica a decorrere dal 30 marzo 2018 e comunque solo decorso il termine di sessanta giorni dalla pubblicazione delle linee di indirizzo citate.

PRESO ATTO che le facoltà assunzionali sono attualmente definite:
- dall’art. 1, comma 228 della Legge 28 dicembre 2015, n. 208, modificato dall’art. 22, comma 2 del Decreto-Legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito con modificazioni dalla legge 21 giugno 2017, n. 96 che, in caso di rapporto dipendenti/popolazione inferiore a quanto stabilito dal DM previsto dall’art. 263 del TUEL, consente di assumere, negli anni 2017 e 2018, per il 75% della spesa dei cessati rispettivamente nel 2016 e nel 2017 e, nel 2019, per il 100% della spesa dei cessati nel 2018;
- dall’art. 3 comma 5 del DL 90/2014 che consente di assumere personale con qualifica dirigenziale nel 2017 per l’80% della spesa dei dirigenti cessati nel 2016 e nel 2018 e 2019 per il 100% della spesa dei cessati rispettivamente nel 2017 e 2018.

PRESO ATTO altresì che sono vigenti le seguenti discipline particolari:
- art. 7, comma 2 bis del DL 14/2017 convertito in legge 18 aprile 2017, n. 48 che consente di assumere a tempo indeterminato personale di polizia locale nel 2017 per l’80% della spesa del personale dello stesso profilo cessato nel 2016 e nel 2018 per il 100% della spesa del personale cessato nel 2017;
- art 1, commi da 228 bis a 228 quinquies della legge 208/2015, introdotti dal DL 113/2016 che consente l’adozione di un Piano triennale straordinario di assunzioni a tempo indeterminato di personale insegnante ed educativo negli anni 2016, 2017 e 2018 e per il triennio scolastico 2016-2019.

RICHIAMATE le proprie precedenti deliberazioni PG n. 80080/2017 del 07/03/2017 e PG n. 204348/2017 del 09/06/2017, con le quali è stato anticipato il piano assunzioni 2017 per assumere, con la prima, 15 Assistenti Sociali, 3 Specialisti servizi socio-educativi JR ed approvato un progetto di Formazione Lavoro per l’assunzione a tempo determinato di 13 ulteriori Assistenti di polizia municipale e, con la seconda, per aggiornare il numero di assunzioni a tempo indeterminato di insegnanti, educatori e operatori servizi scolastici necessarie per l’avvio dell’anno scolastico 2017-2018, oltre che per dare attuazione alla transazione sottoscritta, davanti al Giudice, con gli ex dipendenti comunali e successivamente dipendenti di Seribo e per assumere con contratto a tempo determinato di Alta specializzazione un funzionario esperto giuridico della tutela dei minori e delle famiglie e di adulti, anziani e disabili a supporto dei servizi sociali.

ACCERTATO che il rapporto dipendenti-popolazione è inferiore a quanto stabilito nel Decreto Ministeriale previsto dall’art 263, comma 2 del D. Lgs. N. 267/2000.

PRESO ATTO che, in conseguenza del quadro normativo in precedenza citato, il budget assunzionale per l’anno 2017 per agenti di polizia municipale è pari a EURO 176.328,92, quello per personale con qualifica dirigenziale è pari a EURO 237.384,33 mentre quello per il restante personale è pari a EURO 2.228.467,20 ma che la spesa dei cessati dei diversi ambiti potrà comunque essere utilizzata sulla base dei fabbisogni dell’Ente e non obbligatoriamente per il personale della medesima tipologia, ovviamente applicando le percentuali previste dalle norme per ogni ambito.

VISTO l’art. 3 comma 5 del DL 90/2014 convertito con modificazioni dalla legge 114/2014 che prevede che “A decorrere dall'anno 2014 è consentito il cumulo delle risorse destinate alle assunzioni per un arco temporale non superiore a tre anni, nel rispetto della programmazione del fabbisogno e di quella finanziaria e contabile; è altresì consentito l'utilizzo dei residui ancora disponibili delle quote percentuali delle facoltà assunzionali riferite al triennio precedente”.

INTESO, pertanto, secondo la previsione del citato art. 3 comma 5 del DL 90/2014, utilizzare nel 2017 i residui ancora disponibili relativi alle facoltà assunzionali degli anni 2014, 2015 e 2016 e già programmati nell’ambito dei piani assunzionali di tali annualità.

DATO ATTO che è stato evidenziato dai Capi Area e Dipartimento, in accordo con i dirigenti delle loro strutture, il seguente fabbisogno di profili professionali necessario allo svolgimento dei compiti istituzionali delle strutture comunali e che tale fabbisogno è coerente con gli indirizzi contenuti nel Volume 9 del DUP 2017-2019, con gli obiettivi e programmi strategici dell’Ente, con le facoltà assunzionali e con le risorse previste a bilancio:

Categoria
Profilo Professionale
totale
B
Operatore al lavoro d'ufficio
2
C
Assistente alle attività amministrative contabili
26
Geometra/perito tecnico
4
D
Specialista attività culturali
4
Assistente sociale
4
Ingegnere/architetto
8
Specialista amministrativo-contabile (jr.)
13
Specialista analista informatico
4
Specialista servizi socio-educativi (jr.)
3
Totali Aree/Dipartimenti:
68

RITENUTO che, per quanto riguarda i fabbisogni di personale nell’ambito delle categorie B e C relativi a posizioni che devono essere necessariamente ricoperte poiché attengono alla erogazione diretta di servizi ai cittadini ma che richiedono conoscenze e competenze che possono essere acquisite con percorsi formativi interni, quali ad esempio quelle nell’ambito degli Uffici per le Relazioni con il Pubblico e negli Sportelli Sociali, si proceda prioritariamente con la riconversione dell’eventuale personale non più idoneo alle mansioni per le quali è stato assunto, con particolare riferimento a quello proveniente dai servizi educativi e scolastici, che potrà in tal modo trovare una funzionale ricollocazione.

VALUTATO necessario, in considerazione degli obiettivi di innovazione contenuti nei documenti di indirizzo e programmazione dell’Ente, presentare progetti di Formazione e Lavoro per i profili di:
- assistente alle attività amministrative contabili per n. 17 unità previste nel piano assunzioni 2017 e per n. 2 unità previste nel piano assunzioni 2016, di cui alla deliberazione PG n.204348/2017;
- specialista analista informatico per n. 4 unità previste nel piano assunzioni 2017;
- ingegneri/architetti per n. 6 unità previste nel piano assunzioni 2017;
- geometra/perito tecnico per n. 4 unità previste nel piano assunzioni 2017, per n. 3 unità previste nel piano assunzioni 2016 (di cui alla deliberazione PG n. 417473/2016) e per n. 6 unità previste nel piano assunzioni 2015 (di cui alla deliberazione PG n. 361543/2015)
con l’obiettivo di ridurre l’età media, piuttosto elevata, dei dipendenti comunali e, attraverso progetti formativi di accompagnamento all’acquisizione di conoscenze e competenze tecnico-professionali ma anche organizzative e trasversali, di facilitare un efficace inserimento nella organizzazione dell’Ente.

RITENUTO pertanto, oltre alle assunzioni già previste nelle proprie precedenti deliberazioni PG n. 80080/2017 del 07/03/2017 e PG n. 204348/2017 del 09/06/2017, di definire il piano assunzioni 2017, con le relative modalità di reclutamento, come di seguito:

Categoria
Profilo Professionale
totale
Modalità di reclutamento
B
Operatore al lavoro d'ufficio
2
mobilità interna/ricollocazione personale interno
C
Assistente alle attività amministrative contabili
26
Progetto CFL per 17 unità e ricollocazione personale interno per 9 unità
Geometra/perito tecnico
4
Progetto CFL
D
Specialista attività culturali
4
Assunzione da graduatoria in convenzione
Assistente sociale
4
Assunzione da graduatoria in convenzione
Ingegnere/architetto
8
Assunzione di 1 unità da graduatoria Regionale, di 1 unità da graduatoria in convenzione e Progetto CFL per 6 unità
Specialista amministrativo-contabile (jr.)
13
Assunzione da graduatoria
Specialista analista informatico
4
Progetto CFL
Specialista servizi socio-educativi (jr.)
3
Assunzione da graduatoria
Totali Aree/Dipartimenti:
68



VERIFICATO che la spesa per le citate assunzioni a tempo determinato con progetto di Formazione e Lavoro rispetta le previsioni dell’art. 9 comma 28 del D.L. 78/2010 convertito dalla Legge 122/2010, così come modificato dall’art. 11, comma 4 bis del DL 90/2014 convertito dalla Legge 114/2014 e che la eventuale conversione a tempo indeterminato avverrà sui residui assunzionali degli anni in cui le assunzioni sono state programmate e in particolare:
- assistente attività amministrative contabili: n. 2 piano assunzioni 2016 e n. 17 piano assunzioni 2017
- geometra/perito tecnico: n. 6 piano assunzioni 2015; n. 3 piano assunzioni 2016; n. 4 piano assunzioni 2017
- specialista analista informatico: n. 4 piano assunzioni 2017
- Ingegneri/architetti: n. 6 piano assunzioni 2017.

ACCERTATO che la spesa relativa alle assunzioni a tempo indeterminato, ai fini del computo sulle capacità assunzionali, ammonta a complessivi EURO 1.543.475,98 e rientra nel budget assunzionale previsto dalle normative in precedenza citate.

DATO ATTO che con l’art. 25 del D. Lgs. N. 75/2017 è stato abrogato il comma 219 dell’art. 1 della Legge 208/2015 che rendeva indisponibili i posti dirigenziali vacanti alla data del 15/10/2015.

VERIFICATO che alla data odierna, includendo le 8 posizioni dirigenziali coperte con incarichi a tempo determinato e i 2 dirigenti a tempo indeterminato in aspettativa, i dirigenti attualmente in servizio sono 54 e che, nel corso del 2017, sono cessati o cesseranno per raggiungimento dei limiti di età per accesso alla pensione n. 7 dirigenti a tempo indeterminato.

RAMMENTATO peraltro che il numero dei dirigenti all’interno dell’Amministrazione si è ridotto notevolmente nel corso degli ultimi 10 anni.

PRESO ATTO che il Direttore Generale e il Capo Area Personale e Organizzazione, relativamente ai fabbisogni di personale dirigenziale, hanno evidenziato al Sindaco l’esigenza, anche a fronte delle citate cessazioni, di prevedere nel triennio 2017-2019 l’assunzione di nuovi dirigenti per garantire il presidio dei principali processi organizzativi e per rafforzare le competenze necessarie per la realizzazione degli obiettivi dell’Amministrazione, e in particolare:
- nel piano assunzioni 2017, la copertura delle seguenti 3 posizioni dirigenziali, 2 delle quali attualmente coperte ancora per pochissimi mesi da dirigenti a tempo indeterminato che cesseranno per collocamento in quiescenza:
- dirigente nell’ambito del Settore Mobilità sostenibile e Infrastrutture - Dipartimento Cura e Qualità del Territorio, al quale affidare l’incarico della gestione della viabilità;
- dirigente cui affidare l’incarico di Direttore dell’Istituzione Biblioteche - Area Cultura e Rapporti con l’Università;
- dirigente nell’ambito dell’Istituzione Educazione e Scuola – Area Educazione Istruzione e Nuove generazioni cui affidare l’incarico della responsabilità dei Servizi 0-6;
- nei piani assunzioni degli anni 2018 e 2019, 5 nuove assunzioni di personale dirigenziale per ognuna delle 2 annualità, da definire più puntualmente in termini di posizioni e di profili, tecnici e gestionali, anche sulla base delle cessazioni che si verificheranno e dei fabbisogni che emergeranno nel corso del periodo.

PRESO ATTO inoltre che, in coerenza con quanto sopra, con comunicazione PG n. 302975 del 30/08/2017, il Direttore Generale ha provveduto a pubblicare l’avviso interno ai sensi dell’art. 13, comma 2 del Regolamento sull’ordinamento generale degli uffici e servizi per le 3 posizioni dirigenziali da inserire nel piano assunzioni 2017:
- dirigente nell’ambito del Settore Mobilità sostenibile e Infrastrutture - Dipartimento Cura e Qualità del Territorio, al quale affidare l’incarico della gestione della viabilità;
- dirigente cui affidare l’incarico di Direttore dell’Istituzione Biblioteche - Area Cultura e Rapporti con l’Università;
- dirigente nell’ambito dell’Istituzione Educazione e Scuola – Area Educazione Istruzione e Nuove generazioni cui affidare l’incarico della responsabilità dei Servizi 0-6
e che, a seguito del citato avviso, non sono pervenute candidature da parte dei dirigenti a tempo indeterminato dell’Ente.

VALUTATA necessaria la copertura nell’ambito del piano assunzioni 2017 delle 3 citate posizioni dirigenziali, connesse allo svolgimento di funzioni fondamentali per garantire la corretta erogazione di servizi essenziali e, pertanto, ai sensi dell’art. 31 bis, comma 1 del Regolamento sull’ordinamento generale degli uffici e servizi, ritenuto di procedere alla assunzione, ai sensi dell’art. 110 comma 1 del D. Lgs. 267/2000 e dell’art. 32 del citato Regolamento, dei seguenti dirigenti:
- dirigente nell’ambito del Settore Mobilità sostenibile e Infrastrutture - Dipartimento Cura e Qualità del Territorio, al quale affidare l’incarico della gestione della viabilità;
- dirigente cui affidare l’incarico di Direttore dell’Istituzione Biblioteche - Area Cultura e Rapporti con l’Università;
- dirigente nell’ambito dell’Istituzione Educazione e Scuola – Area Educazione Istruzione e Nuove generazioni cui affidare l’incarico della responsabilità dei Servizi 0-6.

DATO ATTO che il numero dei posti di qualifica dirigenziale coperti mediante contratti a tempo determinato non supera il 30% dei posti istituiti nella dotazione organica della medesima qualifica, come previsto dal comma 1 dell’art. 110 del TUEL e dall’art. 31 bis, comma 2 del Regolamento sull’ordinamento generale degli uffici e servizi e non supera il 30% delle posizioni dirigenziali effettivamente presenti nell’Ente.

RITENUTO necessario prevedere, per le assunzioni dirigenziali programmate nel 2018 e 2019, l’espletamento di una procedura concorsuale a tempo indeterminato, per consentire il mantenimento di una struttura dirigenziale stabile in grado di garantire continuità al funzionamento dell’ente e favorire il ricambio generazionale del vertice della struttura organizzativa.

VISTA la propria Deliberazione PG n. 125357/2017 dell’11/4/2017 con la quale sono stati condivisi gli obiettivi e le linee d’azione del progetto ROCK – Regeneration and Optimisation of Cultural heritage in creative and Knowledge cities, risultato vincitore del bando nell’ambito del Programma Horizon 2020 presentato dal Comune di Bologna in collaborazione con l’Università di Bologna ed altri 30 partner europei, e dato mandato al Capo Area Cultura e Rapporti con l’Università, in qualità di capo progetto, di attivare tutte le azioni e gli interventi necessari per la buona gestione del progetto.

DATO ATTO che il Progetto ROCK è suddiviso in 8 Work Packages e che le attività in capo al Comune di Bologna saranno, tra le altre, quelle di coordinare e supervisionare le attività di ROCK secondo il cronoprogramma, il monitoraggio dei risultati complessivi, la valutazione della qualità tecnica/scientifica nel rispetto della programmazione di milestones e deliverables.

PRESO ATTO che il Capo Area Cultura e Rapporti con l’Università, in qualità di capo progetto, per alcune delle attività in capo al Comune di Bologna ha espresso l’esigenza di potersi avvalere di una figura esperta di analisi e raccolta dati, di conoscenza dei principali sistemi di indicatori e di metodologia della partecipazione sociale, anche attraverso il confronto di buone pratiche e strumenti innovativi a livello internazionale, in un'ottica di sperimentazione e ricerca di nuovi modelli di rigenerazione urbana, mediante la valorizzazione del patrimonio culturale e, per la specificità delle funzioni e delle competenze richieste, ritiene necessario ricercare all’esterno tale figura specialistica di alta specializzazione in quanto non presente all’interno dell’Amministrazione.

RITENUTO pertanto di prevedere l’assunzione, ai sensi dell’art. 110 comma 2 del D. Lgs. 267/2000 e dell’art. 36 del Regolamento sull’ordinamento generale degli uffici e servizi, fino al 31/12/2020 di 1 funzionario con contratto di lavoro a tempo determinato di alta specializzazione per il Progetto ROCK al fine di garantire la buona gestione del Progetto e l'attivazione delle azioni in capo al Comune di Bologna e, in particolare, l’attività di analisi e raccolta dati, di integrazione e scambio con le ricerche e i modelli dei partner internazionali, di monitoraggio e supporto al team di progetto per la diffusione e veicolazione dei risultati, oltre che per l’individuazione di strategie innovative a livello europeo.

VERIFICATO che il costo di tale assunzione a tempo determinato di alta specializzazione è a carico del budget del Progetto finanziato con fondi della Commissione Europea e che, pertanto, non rientra nei limiti dell’art. 9 comma 28 del D.L. 78/2010 convertito dalla Legge 122/2010, così come modificato dall’art. 11, comma 4 bis del DL 90/2014 convertito dalla Legge 114/2014, e che gli effetti a carico del bilancio 2017-2019 sono stati già valutati e previsti sulla missione 05, programma 01, titolo 01, macroaggregato 01 (corrispondente ai cap. U25380-000 e U25390-000 del PEG) e missione 05, programma 01, titolo 01, macroaggregato 02 (corrispondente al cap. U25400-000 del PEG) con la delibera di variazione di bilancio P.G.N.305983/2017 in corso di adozione ed alla quale si subordina l'avvio della procedura di assunzione.

VISTA la propria deliberazione PG n. 417473/2016 relativa alla programmazione triennale del fabbisogno di personale 2016-2018, successivamente aggiornata con deliberazione PG n. 204348/2017, nella quale è prevista, nell’ambito del Piano triennale straordinario di assunzioni di personale educativo e scolastico di cui al DL 113/2016, l’assunzione a tempo indeterminato nel 2017 di 69 insegnanti scuola di infanzia e di 22 educatori di nido di infanzia a tempo pieno e 15 part-time.

PRESO ATTO che alle suddette assunzioni a tempo indeterminato di personale educativo e scolastico per l’Istituzione Educazione e Scuola si applica l’art. 18 comma 2 bis del DL 112/2008, convertito con modificazioni dalla Legge 133/2008.

DATO ATTO che la rilevazione dei fabbisogni di personale degli anni 2018 e 2019 sarà puntualmente definita dal Direttore Generale e dal Capo Area Personale e Organizzazione in accordo con i Direttori delle strutture apicali, anche sulla base dell’aggiornamento dei documenti di programmazione 2018-2020 e delle cessazioni di personale che si verificheranno, e approvata con successivi atti, ma inteso anticipare fin d’ora il fabbisogno espresso dai succitati dirigenti nel 2018 di:
- n. 6 assistenti ai servizi socio-educativi (cat. C) per le attività dei Quartieri relative ai servizi socio-educativi, con riferimento ai percorsi di contrasto alla dispersione scolastica, alla promozione di interventi e opportunità per il benessere di giovani e adolescenti, in collaborazione con gli Istituti Comprensivi e/o in raccordo con l'Associazionismo culturale e sportivo, ed interventi / progetti sulla "fragilità" giovanile”
- n. 6 assistenti alle attività culturali (cat. C) per l’Area Cultura e Rapporti con l’Università e l’Istituzione Bologna Musei
- n. 11 assistenti sociali (cat. D)
- n. 6 facilitatori di promozione, sviluppo e consolidamento di reti e lavoro di comunità (cat. D) per i Quartieri

DATO ATTO che dei contenuti della presente deliberazione è stata data informazione alle OO.SS e alla RSU.

ACQUISITA, ai sensi dell’art. 19 comma 8 della legge 448/2001, la positiva certificazione da parte del Collegio dei Revisori dei Conti resa in data 12/09/2017 agli atti dell’Area Personale e Organizzazione.

DATO ATTO che i riflessi diretti sulla situazione economica dell'Ente derivanti dalle assunzioni previste dal presente atto sono già stati valutati e previsti nel bilancio pluriennale 2017 - 2019, e sono contenuti negli stanziamenti di spesa di personale assegnati all'Area Personale e Organizzazione.

RITENUTO di demandare al Capo Area Personale e Organizzazione gli ulteriori adempimenti amministrativi e contabili.

PRECISATO che la programmazione triennale del fabbisogno di personale e il piano annuale potranno essere integrati in qualunque momento, al verificarsi di altre e nuove esigenze, di modifiche nella disponibilità di risorse e del quadro normativo.

PRESO ATTO, ai sensi dell’art.49, comma 1, del D.Lgs.267/2000, così come modificato dal D.L. 174/2012, dei pareri favorevoli in ordine alla regolarità tecnica espressi rispettivamente dal Direttore Generale e dal Responsabile dell' Area Personale e Organizzazione e del parere favorevole in ordine alla regolarità contabile espresso dal Capo Area Risorse finanziarie.

Su proposta del Direttore Generale e dell’Area Personale e Organizzazione

A voti unanimi e palesi;
DELIBERA

1) DI APPROVARE il fabbisogno di personale e il piano assunzioni 2017, precisando che lo stesso include le assunzioni già previste nelle proprie precedenti deliberazioni di anticipazione del piano assunzioni 2017 PG n. 80080/2017 del 07/03/2017 e PG n. 204348/2017 del 09/06/2017 e che all’interno dello stesso sono previste anche le assunzioni a tempo determinato di personale dirigente e di alta specializzazione e quelle mediante progetti di formazione e lavoro:




2) DI PROCEDERE pertanto alla assunzione con contratto di lavoro a tempo determinato, ai sensi dell’art. 110, comma 1 del D. Lgs. n. 267/2000 e dell’art 32 del Regolamento sull’ordinamento generale degli uffici e servizi, fino al 30/09/2021 di:
- 1 dirigente nell’ambito del Settore Mobilità sostenibile e Infrastrutture - Dipartimento Cura e Qualità del Territorio, al quale affidare l’incarico della gestione della viabilità;
- 1 dirigente cui affidare l’incarico di Direttore dell’Istituzione Biblioteche - Area Cultura e Rapporti con l’Università;
- 1 dirigente nell’ambito dell’Istituzione Educazione e Scuola – Area Educazione Istruzione e Nuove generazioni cui affidare l’incarico della responsabilità dei Servizi 0-6;


3) DI PROCEDERE inoltre alla assunzione con contratto di lavoro a tempo determinato di alta specializzazione, ai sensi dell’art. 110, comma 2 del D. Lgs. n. 267/2000 e dell’art 36 del Regolamento sull’ordinamento generale degli uffici e servizi, fino al 31/12/2020 di 1 funzionario per il Progetto ROCK al fine di garantire la buona gestione del Progetto e l'attivazione delle azioni in capo al Comune di Bologna e, in particolare, l’attività di analisi e raccolta dati, di integrazione e scambio con le ricerche e i modelli dei partner internazionali, di monitoraggio e supporto al team di progetto per la diffusione e veicolazione dei risultati, oltre che per l’individuazione di strategie innovative a livello europeo.

4) DI PROGRAMMARE negli anni 2018 e 2019, 5 nuove assunzioni di personale dirigenziale per ognuna delle 2 annualità, da definire più puntualmente in termini di posizioni e di profili, tecnici e gestionali, anche sulla base delle cessazioni che si verificheranno e dei fabbisogni che emergeranno nel corso del triennio, stabilendo che, per tali assunzioni, si attiverà una procedura concorsuale a tempo indeterminato, per consentire il mantenimento di una struttura dirigenziale stabile in grado di garantire continuità al funzionamento dell’ente e favorire il ricambio generazionale del vertice della struttura organizzativa.

5) DI ANTICIPARE fin d’ora, pur precisando che la rilevazione dei fabbisogni di personale sarà puntualmente definita dal Direttore Generale e dal Capo Area Personale e Organizzazione in accordo con i Direttori delle strutture apicali, anche sulla base dell’aggiornamento dei documenti di programmazione 2018-2020 e delle cessazioni di personale che si verificheranno e approvata con successivi atti, il seguente fabbisogno espresso dai succitati dirigenti nel 2018:
- n. 6 assistenti ai servizi socio-educativi (cat. C) per le attività dei Quartieri relative ai servizi socio-educativi, con riferimento ai percorsi di contrasto alla dispersione scolastica, alla promozione di interventi e opportunità per il benessere di giovani e adolescenti, in collaborazione con gli Istituti Comprensivi e/o in raccordo con l'Associazionismo culturale e sportivo, ed interventi / progetti sulla "fragilità" giovanile”
- n. 6 assistenti alle attività culturali (cat. C) per l’Area Cultura e Rapporti con l’Università e l’Istituzione Bologna Musei
- n. 11 assistenti sociali (cat. D)
- n. 6 facilitatori di promozione, sviluppo e consolidamento di reti e lavoro di comunità (cat. D) per i Quartieri.

6) DI DEMANDARE al Capo Area Personale e Organizzazione l'adozione di tutti gli atti funzionali alla realizzazione delle assunzioni di personale di cui ai punti precedenti.

Infine, con votazione separata, all'unanimità
DELIBERA

DI DICHIARARE la presente deliberazione immediatamente eseguibile, ai sensi dell'art. 134- comma 4 del Decreto legislativo 18/8/2000 n.267, al fine di procedere agli adempimenti conseguenti