Atto della Giunta

 

Dati dell' atto

PG (Nr. / Anno) 77673  /  2017
Progr. (Nr. / Anno) 39  /  2017
Data seduta 07/03/2017
Data esecutività 07/03/2017
Unità di riferimento Ambiente e Energia
Oggetto DOCUMENTO ISTRUTTORIO IN MERITO ALLA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PER IL POTENZIAMENTO IN SEDE DEL SISTEMA AUTOSTRADALE E TANGENZIALE DI BOLOGNA.


Testo dell'atto

LA GIUNTA


Premesso che:

- in data 15 aprile 2016 è stato sottoscritto l'"Accordo per il potenziamento in sede del sistema autostradale tangenziale del nodo di Bologna", fra: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Regione Emilia-Romagna, Città Metropolitana di Bologna, Comune di Bologna, Società Autostrade per l'Italia Spa;

- il 27/04/2016, con delibera OdG 239/2016, PG 109493/2016, il Consiglio comunale ha ratificato tale accordo;

- con tale Accordo viene superato il precedente Accordo del 29 luglio 2014, tra Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti, Regione Emilia-Romagna, Provincia di Bologna (ora Città Metropolitana), Comune di Bologna e Autostrade per l'Italia Spa, che prevedeva la realizzazione del cosiddetto "Passante Nord" e degli interventi di banalizzazione sull'attuale tratto autostradale dell'A14 ricompreso tra Borgo Panigale e S. Lazzaro;

- l'Accordo indicato si pone come obiettivo la definizione di un progetto che, a partire dall'analisi del contesto insediativo esistente, sviluppi il tema del potenziamento in sede con un approccio che veda nell'infrastruttura anche l'opportunità di riorganizzare, con particolare attenzione alla mitigazione ed all'inserimento ambientale, gli spazi adiacenti fortemente urbanizzati in un'ottica di minor occupazione del territorio, anche con un coerente sviluppo delle infrastrutture di adduzione al sistema autostradale/tangenziale;

- gli interventi previsti dall'Accordo del 2016 consistono nel potenziamento in sede del sistema autostradale e tangenziale di Bologna, a partire dallo svincolo 3 fino allo svincolo 13 delle complanari, con le seguenti specifiche:
  • tre corsie per senso di marcia più emergenza dell'A14; tre corsie per senso di marcia più emergenza sulle complanari a partire dallo svincolo 3 fino allo svincolo 13, con tratti a quattro corsie per senso di marcia più emergenza (dallo svincolo 6 allo svincolo 8); rigeometrizzazione degli svincoli delle complanari; opere finalizzate al miglioramento dell'adduzione al sistema autostradale/tangenziale; soluzioni avanzate di mitigazione ambientale e di miglioramento dell'inserimento territoriale/paesaggistico;

- l'Accordo comprende anche interventi di completamento della rete viaria di adduzione a scala urbana - metropolitana: Potenziamento e completamento della intermedia di Pianura, Realizzazione del lotto 3 dell'asse Lungo Savena, Nodo di Funo, Secondo lotto del Nodo di Rastignano ottimizzato;

- l'Accordo ha stabilito inoltre l'esecuzione di una fase di Confronto pubblico, consistente nella presentazione al territorio delle soluzioni progettuali individuate nel progetto preliminare predisposto da ASPI (Autostrade per l'Italia Spa), attraverso illustrazioni pubbliche e attività di coinvolgimento dei cittadini o di istituzioni tecnico-scentifiche, al fine individuare, comparando le soluzioni in termini di costi/benefici, i possibili miglioramenti da apportare al progetto preliminare per favorire un migliore inserimento nel tessuto urbano dell'opera e per ottimizzare l'utilizzo delle risorse;

- in data 22/07/2016 ASPI ha illustrato in Consiglio Comunale il progetto preliminare dando avvio alla fase di confronto pubblico;

- in ottemperanza a quanto previsto all'art. 3 bis del richiamato Accordo, le Parti firmatarie hanno costituito un Comitato di Monitoraggio tecnico scientifico, col fine di valutare i contributi derivanti dal Confronto pubblico e individuare gli eventuali interventi di miglioramento;

- tale Comitato di monitoraggio è composto da Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, Regione Emilia-Romagna, Città Metropolitana di Bologna, Comune di Bologna, Autostrade per l'Italia Spa;

- in data 16/12/2016 è stato firmato il "Verbale finale" da parte del Comitato di monitoraggio con il quale è stato stabilito che il progetto preliminare sviluppato da Autostrade per l'Italia è stato elaborato ed integrato a seguito del Confronto Pubblico, nel pieno rispetto dei principi fissati dall'Accordo;

- con tale Verbale viene confermata la realizzazione degli interventi di completamento della rete viaria di adduzione, con la precisazione che il Nodo di Rastignano verrà finanziato e realizzato nell'ambito del "Patto per Bologna" e pertanto al di fuori degli impegni di Autostrade per l'Italia, mentre a seguito del Confronto pubblico, viene prevista una nuova opera, a cura di Società Autostrade, costituita dal Nuovo ponte sul Fiume Reno, tra via Chiù e via del Triumvirato;

Considerato che:

- il progetto di "Potenziamento in sede del sistema autostradale e tangenziale di Bologna" è assoggettato alla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), in quanto rientra tra le tipologie elencate nell'Allegato II alla Parte Seconda del D.Lgs 152/06 e s.m.i., al punto 10 "Autostrade e strade riservate alla circolazione automobilistica o tratti di esse, accessibili solo attraverso svincoli o intersezioni controllate e sulle quali sono vietate tra l'altro l'arresto e la sosta di autoveicoli".

- in data 10 gennaio 2017 la Società Autostrade per l'Italia Spa, in qualità di proponente, ha presentato la domanda per l'avvio della procedura di VIA al Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) ed ha effettuato, come richiede la procedura, la pubblicazione dell'avviso sui quotidiani;

- il MATTM ha effettuato la verifica di completezza della documentazione ed ha comunicato l'avvio della procedura di VIA a partire dal 13/01/2017, data dalla quale ha avuto inizio la fase di deposito della documentazione per 60 giorni consecutivi, per la libera consultazione e per la presentazione di osservazioni da parte di chiunque;

- la documentazione presentata, costituita dal progetto definitivo e dallo studio di impatto ambientale, è stata depositata, per la libera consultazione, presso il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, la Regione Emilia Romagna - Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale, la Città metropolitana di Bologna, il Comune di Bologna e il Comune di San Lazzaro di Savena;

- il Comune di Bologna ha dato avviso di deposito all'Albo Pretorio (PG 21013/2017) ed a tutti i Quartieri direttamente interessati (PG 21439/2017) e l'avviso di deposito è stato, inoltre, pubblicato sul sito web del Comune, nella pagina del Settore Ambiente e Energia, allegando una nota esplicativa ed il collegamento alla documentazione depositata presso il sito web del Ministero;

Considerato, inoltre, che:

- la procedura di VIA prevede che l'autorità competente (MATTM) acquisisca e valuti tutta la documentazione presentata, le osservazioni e, nel caso dei progetti di competenza dello Stato come quello in esame, il parere delle Regioni interessate;

- la Regione Emilia-Romagna, al fine di valutare il progetto ed esprimere parere all'autorità competente, ha convocato una riunione svoltasi in data 01/02/2017, alla quale, oltre agli enti interessati tra cui il Comune di Bologna, ha partecipato anche Società Autostrade che ha illustrato i principali temi dell'intervento in progetto;

- il settore competente all'interno dell'Amministrazione comunale per le procedure di VIA è il Settore Ambiente e Energia;

Pertanto, al fine di istruire la documentazione e per condividere all'interno dell'Amministrazione comunale il contributo richiesto dalla Regione Emilia-Romagna per la predisposizione del parere regionale di competenza, l'Ufficio VIA del Settore Ambiente e Energia ha convocato un incontro con gli uffici ed i Settori interessati, svoltosi in data 24/01/2017;

Tenuto conto che:
- sono pervenuti i seguenti contributi da parte dei Settori comunali coinvolti:
Settore Mobilità Sostenibile e Infrastrutture PG 70572/2017
Settore Piani e Progetti Urbanistici - PG 78432/2017
Area Benessere di Comunità PG 62729/2017

- l'istruttoria svolta sulla documentazione depositata ha preso in esame i seguenti aspetti: Aspetti generali sulla verifica di completezza della documentazione, Aspetti generali connessi ad altre procedure in itinere, Relazione del progetto con i vigenti strumenti di governo del territorio, Aspetti relativi alla mobilità e ai costruttivi stradali, Aspetti e tematiche ambientali (Atmosfera, Rumore, Verde, Suolo e sottosuolo, Paesaggio, Acque superficiali, Energia, Elettromagnetismo);

- in base all'esito dell'istruttoria, risulta opportuno richiedere integrazioni al progetto presentato e, pertanto, il documento redatto, da inviare come parere comunale alla Regione Emilia-Romagna, contiene considerazioni e richieste di integrazioni che dovranno essere sviluppate per potere valutare compiutamente gli studi, anticipando già indicazioni e prescrizioni utili per lo sviluppo della progettazione;

Visto il documento istruttorio con relative osservazioni e richieste di integrazione, allegato al presente provvedimento quale parte integrante e sostanziale;

Valutata l'opportunità di dichiarare il presente atto immediatamente esecutivo, ai sensi del D.Lgs. 267/2000 al fine di consentire in tempi celeri la definizione dell'iter previsto dalle vigenti normative;

Dato atto che la presente deliberazione non comporta riflessi diretti o indiretti sulla situazione economica-finanziaria o sul patrimonio dell'ente;

Preso atto, ai sensi dell'art. 49, comma 1, del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, così come modificato dal D.L. 174/2012, del parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica espresso dal Responsabile del Settore Ambiente e Energia e della dichiarazione del Responsabile dell'Area Risorse Finanziarie che il parere in ordine alla regolarità contabile non è dovuto;

Sentiti il Settore Mobilità Sostenibile e Infrastrutture, il Settore Piani e Progetti Urbanistici e l'Area Benessere di Comunità;

Vista la L.R. 9/99 e successive modifiche e integrazioni e la relativa Circolare attuativa 30/01/2001;

Su proposta del Settore Ambiente ed Energia, congiuntamente al Dipartimento Riqualificazione Urbana;

A voti unanimi e palesi;
DELIBERA

1. DI APPROVARE il documento istruttorio con relative osservazioni, richieste di integrazioni e prescrizioni, predisposto da parte del Settore Ambiente e Energia, formulato anche sulla base dei contributi ricevuti dagli altri Settori dell'Amministrazione comunale coinvolti, ed espresso in merito al progetto di "Potenziamento in sede del sistema autostradale e tangenziale di Bologna" presentato da Autostrade per l'Italia Spa, come risulta da relazione di sintesi allegata al presente provvedimento quale parte integrante e sostanziale;

2. DI DARE ATTO che ai sensi di quanto previsto dalla L.R. 9/99 la presente deliberazione con il relativo documento allegato saranno inoltrati al Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ed alla Regione Emilia Romagna;

Infine con votazione separata all'unanimità
DELIBERA

DI DICHIARARE la presente deliberazione immediatamente eseguibile, ai sensi dell'art. 134 comma 4 del D.Lgs. 267/2000.





Documenti allegati - parte integrante

File Name
All Documento CoBo Passante A14.pdf