Atto della Giunta

 

Dati dell' atto

PG (Nr. / Anno) 477863  /  2018
Proposta (Tipo / Nr. / Anno) DGPRO  /  83   /  2018
Repertorio (Tipo / Nr. / Anno) DG  /  63   /  2018
Data seduta 15/11/2018
Data esecutività 16/11/2018
Unità di riferimento Dipartimento Lavori Pubblici Mobilità e Patrimonio - Edilizia e Patrimonio
Oggetto CRITERI GENERALI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL CONCORSO DI IDEE PER L’INDIVIDUAZIONE DELL’OPERATORE ECONOMICO CUI CONFERIRE L’INCARICO DI PROGETTAZIONE PER LA RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA.


Testo dell'atto

L A G I U N T A

Premesso che:
  • l’area compresa fra Piazza Verdi, Via Castagnoli, Via delle Belle Arti e Via del Guasto, originario sedime del cinquecentesco Palazzo Bentivoglio, è un’area su cui l’Amministrazione Comunale concentra grande attenzione, sia per il mix di utenza e di attività che vi si svolgono, sia per le criticità che il difficile equilibrio fra dette attività genera;
  • da tempo, vengono promosse iniziative, in vari periodo dell’anno, tese a sperimentare nuove modalità di fruizione del comparto; in particolare iniziative in questo senso sono state promosse dal Teatro Comunale che, in collaborazione con il Comune di Bologna, ha dato vita a manifestazioni estive ed invernali quali Guasto Village e Winter Village, spazi di socializzazione, finalizzati a promuovere nuovi usi dello spazio e ad allontanare comportamenti marginali;
  • nel corso del 2018, nell'ambito del Progetto Rock, finanziato dall'Unione Europea- programma quadro europeo per la ricerca e l’Innovazione, Horizon2020- , che ha coinvolto, oltre all’amministrazione, l'Università di Bologna, la Fondazione per l'Innovazione Urbana e la Fondazione Rusconi, sono stati promossi alcuni laboratori partecipati con stakeholders, associazioni, comitati e semplici cittadini che hanno contribuito in modo determinante a comporre un quadro dei problemi dell'area, stabilendo delle priorità tra le questioni più sentite e suggerendo alcuni indirizzi per un miglioramento complessivo della qualità urbana, intesa anche come qualità di vita degli abitanti e dei frequentatori a vario titolo del Teatro e dei dintorni;

Considerato che:
  • il Comune di Bologna, attraverso il Piano Operativo della Città Metropolitana di Bologna,, nell’ambito del del Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020, per l’area tematica “Turismo,cultura e valorizzazione di risorse naturali”, ha richiesto al CIPE il finanziamento di un intervento di riqualificazione dell’area del Teatro Comunale;
  • con la delibera 7 agosto 2017 nr. 75 il CIPE, ha approvato il finanziamento di detto intervento;
  • in data 11/09/2018, con PG 370885/2018 è stato approvato lo schema di convenzione tra la Città Metropolitana di Bologna e il Comune di Bologna per l’attuazione degli interventi di cui al Piano Operativo, che ha per oggetto “Riqualificazione dell’area del Teatro Comunale” finanziato con risorse FSC per 3.000.000 di Euro;


Rilevato che:
  • la riqualificazione dell'area del Teatro Comunale è un intervento di particolare complessità e, al contempo, di estrema importanza per l'intero centro storico di Bologna;
  • per un corretto ed efficace intervento di riqualificazione, a partire da un rinnovo della composizione volumetrica dell’edificio, si è ritenuto opportuno enucleare, anche catastalmente, le porzioni dell’immobile che si ritiene non presentino pregio architettonico, storico ed artistico, e richiedere la verifica dell’interesse culturale dell’immobile ai sensi dell’art. 12 del d.lgs. 42/2004, proponendone lo stralcio;
  • l’ipotesi di intervento di riqualificazione dell’area si dovrà concentrare prevalentemente sulla proposta di un nuovo sistema di impianti che consenta di ridurre la necessità di vani tecnici , in particolare di quelli collocati lungo la Via del Guasto;
  • l’eliminazione di questi vani, che si ritiene non abbiamo nessun interesse architettonico, tanto meno artistico, consentirebbe di ridefinire tutto il lato orientale del Teatro, di ripensare il rapporto con l’antistante Via del Guasto e con i giardini del Guasto e di studiare una nuova composizione di volumi funzionale a soddisfare alcune imprescindibili esigenze del Teatro e, soprattutto, a migliorarne l'accessibilità;

Rilevato inoltre che:
  • il progetto oltre a rivestire particolare rilevanza sotto il profilo architettonico, storico artistico e conservativo, ha importanti ricadute sul contesto sociale ed ambientale, non privo di tensioni, per cui è necessario individuare e coordinare azioni finalizzate al perseguimento di un risultato di grande qualità, in relazione agli aspetti progettuali, di comunicazione e di confronto con la popolazione destinataria dell’intervento;
  • in particolare:

  • 1. ai sensi del comma 2 art. 23 del d.lgs. 50/2016, si ritiene opportuno individuare il professionista cui affidare la progettazione utilizzando la procedura del concorso di idee a livello internazionale, al fine di selezionare la migliore proposta progettuale, che tenga conto delle diverse esigenze complessive del teatro e dell’amministrazione, sulla base della quale realizzare l’intervento finanziato tramite le risorse FSC 2014-2020;

    ci si riserva la facoltà di affidare al vincitore del concorso, tramite procedura negoziata senza bando, come previsto all’art.156 comma 6 del D.lgs 50/2016, l’incarico per la redazione dei successivi livelli di progettazione (progetto di fattibilità tecnico – economica, definitivo, esecutivo) relativi all’intervento coperto dal citato finanziamento;

    2. per l’organizzazione del concorso, per la comunicazione verso la città e per l’elaborazione di tavole e schede esplicative, si ritiene utile avvalersi della collaborazione con la Fondazione per l’Innovazione Urbana (FIU, stipulando apposita convenzione;

    nello specifico la FIU, che ha come scopo fondativo (art 2 dello statuto) “la realizzazione di attività di interesse pubblico, svolte a beneficio della collettività nel campo della trasformazione urbana e dell’innovazione, dandone adeguata informazione, stimolando la partecipazione dei cittadini e le diverse forme di collaborazione tra differenti attori della città”, potrà collaborare con l’Amministrazione Comunale per gli aspetti relativi alla comunicazione del concorso e alla redazione di schede esplicative ed elaborati tecnici;

    3. si ritiene utile collaborare con la Fondazione Rusconi, che ha come fine “l’istituzione di premi periodici a vantaggio di restauri artistici, opere edilizie nuove, grandi concerti di musica classica, nuove industrie o nuovi commerci” che potrà svolgere un ruolo di coordinamento tra le istanze riscontrate in esito ai laboratori del progetto rock e le esigenze funzionali elaborate dal teatro comunale, predisponendo schemi e tavole riassuntive;

    4. il RUP si avvarrà della collaborazione di un assistente al RUP per:

    - redigere i verbali dei lavori della Commissione Giudicatrice,
    - espletare l’istruttoria tecnica degli elaborati progettuali;
    - curare i rapporti con i partecipanti;
    - predisporre gli allegati tecnico amministrativi di tutte le fasi procedurali;
Considerato inoltre che:
  • per garantire l’anonimato durante la fase del concorso, si ritiene opportuno l’uso della piattaforma digitale messa a punto dall’ordine degli architetti di Bologna che, da ormai 10 anni, ha predisposto una piattaforma web per la gestione on line dei concorsi di architettura, denominata “concorsiarchibo.eu”; a tal fine, si ritiene opportuno stipulare una convenzione per l'uso di questa piattaforma, che risulta particolarmente versatile e consente molte forme di personalizzazione ed è in grado di fornire tutte le sicurezze necessarie per lo svolgimento in forma anonima del Concorso. L'Ordine degli Architetti concede l'uso della piattaforma dietro un corrispettivo per le sole spese tecniche ai concorsi il cui bando sia conforme ai criteri stabiliti dal Regolamento del Consiglio Nazionale APPC;
  • per garantire il corretto svolgimento del concorso, ed evitare casi di incompatibilità fra i concorrenti ed i partecipanti al concorso, è opportuno individuare i componenti della Commissione Giudicatrice che dovranno essere di comprovata competenza e professionalità prima della pubblicazione del bando di gara rendendone noti i nominativi;


Rilevato infine che:
  • il Dipartimento Lavori Pubblici, Mobilità, Patrimonio, il Dipartimento Urbanistica, Casa e Ambiente, il Dipartimento Cultura e Promozione della città, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti, l’Università degli Studi, la Fondazione Innovazione Urbana e la Fondazione Rusconi hanno redatto il documento “Criteri generali per la predisposizione del bando di concorso per la riqualificazione e valorizzazione del Teatro Comunale”, che fornisce elementi di conoscenza dell’edificio e del contesto e esplicita gli obiettivi del concorso, come sopra sommariamente rappresentati;

Dato atto che:
  • Responsabile della convenzione con la Città Metropolitana è l’ing. Raffaela Bruni, Capo Dipartimento Lavori Pubblici, Mobilità e Patrimonio;
  • Responsabile Unico del procedimento di riqualificazione dell’area del Teatro Comunale è l’architetto Manuela Faustini Fustini responsabile della Unità Internedia Progetti Speciali del Settore Edilizia e Patrimonio;
  • l’intervento è contenuto nell’adeguamento del Piano Triennale degli investimenti per l’anno 2019;

Dato atto, altresì che:
il contenuto del presente atto comporta riflessi diretti/indiretti sulla situazione economico-finanziaria e/o sul patrimonio dell'ente già finanziato nell'ambito dei Fondi per lo sviluppo e la coesione 2014-2020, oggetto della convenzione sottoscritta in data 26/09/2018 con firme digitali;

Preso atto, ai sensi dell'art. 49, comma 1, del D.Lgs. 18 Agosto 2000, n. 267, così come modificato dal D.L. 174/2012, del parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica espresso dal Responsabile del Dipartimento Lavori Pubblici Mobilità e Patrimonio e dal Responsabile del Settore Edilizia e Patrimonio e del parere favorevole in ordine alla regolarità contabile espresso dal Responsabile dell'Area Risorse Finanziarie.

Su proposta del Dipartimento Lavori Pubblici, Mobilità e Patrimonio e del Settore Edilizia e Patrimonio

A voti unanimi e palesi
D E L I B E R A
1. DI APPROVARE il documento “Criteri generali per la predisposizione del bando di concorso per la riqualificazione e valorizzazione del Teatro Comunale di Bologna”, facente parte integrante del presente atto;
2. DI APPROVARE la modalità di esperimento di un concorso di idee di livello internazionale per l’individuazione del professionista a cui conferire l’incarico di progettazione esecutiva dell’intervento sul Teatro Comunale finanziato nell’ambito dei Fondi per lo sviluppo e la coesione 2014-2020, oggetto della convenzione sottoscritta in data 26/09/2018 con firme digitali;

3. DI DARE ATTO che Responsabili della Convenzione con la Città Metropolitana è l'Ing. Raffaela Bruni e che il RUP dell'intervento di riqualificazione dell'area del Teatro Comunale è l'Ing. Manuela Faustini;
4. DI DARE MANDATO al Responsabile della convenzione ing. Raffaela Bruni e al Responsabile Unico del procedimento di riqualificazione dell’area del Teatro Comunale, ciascuno per quanto di competenza, di assumere tutti gli atti finalizzati alla sottoscrizione di apposite convenzioni con la Fondazione Innovazione Urbana (FIU), con la Fondazione Rusconi e con l’Ordine degli Architetti necessarie per il corretto svolgimento del concorso di idee.


Infine, con votazione separata, all'unanimità
D E L I B E R A
DI DICHIARARE la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 134, comma 4, del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267.


      Documenti allegati - parte integrante